3 cose da valutare prima di scegliere il box doccia

Se si sta realizzando un nuovo bagno o semplicemente si è stanchi della vasca e si vuole sostituirla, un box doccia può essere un’ottima soluzione.

Se si sta realizzando un nuovo bagno o semplicemente si è stanchi della vasca e si vuole sostituirla, un box doccia può essere un’ottima soluzione. Per selezionare il modello più adatto alle proprie esigenze, dovranno essere attentamente valutati i materiali, le forme e le aperture dei box doccia. Inoltre, è necessario considerare anche la struttura e la dimensione del bagno in cui lo si vuole installare.

Ecco alcuni aspetti di cui tenere conto in fase di valutazione.

Le caratteristiche da valutare prima dell’acquisto

Nella scelta di un box doccia, sia che si tratti di una classica cabina doccia, o di una doccia con pavimento a filo, o ancora con le bocchette idromassaggio o di altro tipo, ci sono alcune caratteristiche fondamentali da valutare prima dell’acquisto, quali:

  • Le dimensioni del bagno e l’ingombro del box doccia preferito
  • I materiali e il modello del box
  • La tipologia di apertura e la presenza di accessori aggiuntivi.

Solo in questo modo è possibile acquistare un box doccia in grado di non deludere le personali aspettative.

Scegliere il box doccia in base al proprio stile e alle proprie abitudini

Valutare di scegliere il box doccia in base al proprio stile e abitudini, sembra scontato. Tuttavia, in molti si lasciano ammaliare dalle tendenze del momento. Quindi, è importante ponderarne bene l’inserimento, per non rischiare di avere ripensamenti in seguito.

Le abitudini personali incidono molto sulla scelta del box doccia. Prima di ogni cosa, infatti, è necessario capire se si vive il bagno come un momento dedicato al relax, o se si usa soltanto per una doccia veloce. In quest’ultimo caso, è possibile optare per box doccia standard con cabina 70×70 o 70×100 con rubinetteria inclusa. Invece, chi cerca nella doccia il massimo comfort e relax può orientare la propria scelta d’acquisto verso i modelli più tecnologici e innovativi, muniti di idromassaggio, radio e cromoterapia.

Le caratteristiche tecniche da considerare prima dell’acquisto

Dopo aver selezionato la tipologia di box doccia desiderata, è molto importante considerare anche queste importanti caratteristiche tecniche:

  • Dimensioni del bagno e del box doccia: sono da valutare attentamente, in quanto è necessario che la doccia sia in armonia con l’ambiente che la ospita.
  • Tipologia di apertura: questa può essere fissa, a battente e scorrevole. Nel caso in cui si scelga un box doccia con apertura a battente è necessario considerare attentamente anche lo spazio d’ingombro.
  • Rubinetteria: in questo caso, per ottenere il massimo comfort, è bene scegliere un miscelatore termostatico dotato di soffione e doccetta supplementare.
  • Materiali: il materiale della lastra può essere in ABS, acciaio, acciaio inox, acciaio spazzolato, acrilico e alluminio, mentre la finitura della lastra può essere trasparente, con vetro di sicurezza trasparente, serigrafata, con vetro di sicurezza smerigliato, fumé o acrilico piumato. Il consiglio generale è quello di scegliere vetro di sicurezza o acrilico per la lastra delle pareti e dell’apertura e acrilico o ABS per il piatto doccia.
  • Accessori: se e quali accessori sono inclusi, come specchi, mensole e maniglie porta asciugamano.

Le tipologie di box doccia

A prescindere dalle caratteristiche tecniche, ci sono varie tipologie di box doccia che si distinguono per:

  • paretiin vetro di sicurezza o acrilico;
  • piatto in acrilico, ABS o ceramica;
  • sistema di evacuazioneo piletta sifonata;
  • portescorrevoli, a battente, pieghevoli o girevoli;
  • rubinetteria con miscelatore classico o termostatico, soffione e doccetta.

Pertanto, per scegliere il box doccia ideale al proprio stile ed esigenze, è necessario valutare, oltre a tutti gli aspetti elencati, anche le tipologie standard presenti in commercio.

Cabine integrali o monoblocco quadrate o rettangolari

Le cabine doccia integrali quadrate o rettangolari sono estremamente semplici da installare. Sarà, infatti, sufficiente posizionarle sul pavimento per poi collegarle all’alimentazione idrica e al sistema di scarico delle acque reflue. Nonostante la loro semplicità, sono disponibili in svariati modelli, muniti anche di idromassaggio, illuminazione LED per la cromoterapia, radio e miscelatore con la possibilità di regolare la temperatura.

Cabine doccia in muratura

Le cabine doccia in muratura sono composte da un piatto doccia e da una struttura che ospita la/e porta/e. Queste docce permettono di sfruttare al meglio angoli, nicchie e pareti del bagno. Possono presentarsi in varie dimensioni o finiture oltre che con diverse tipologie di apertura, battente, pieghevole, scorrevole, soffietto o saloon. Sono realizzate e pensate per offrire al cliente un prodotto completo e versatile. Infatti, è possibile scegliere quella che meglio si adatta al proprio angolo doccia. In questo modo è possibile sfruttare al meglio lo spazio grazie al ridotto ingombro, di cui necessita la porta, andando a posizionarsi tra due muri.

Doccia con pareti mobili

La doccia con pareti mobili è un perfetto incrocio tra una doccia in muratura e una doccia integrale. Essa è costituita da un piatto doccia e da pareti installate contro uno o due muri. Una soluzione che abbina lo stile minimalista e moderno a funzionalità e praticità.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Soggiorno in stile country provenzale: idee e consigli

Cucina professionale: tutti i vantaggi di averla in casa

Leggi anche
Contents.media