Effetto marmo: lo stucco veneziano, eleganza a portata di tutti

Come decorare le pareti di casa con lo stucco veneziano per dare un'aria nuova alla tua abitazione.

Se amate gli ambienti raffinati ed eleganti dall’aria anche un po’ vintage, la scelta dello stucco veneziano con effetto marmorino è l’ideale per voi. Il marmo non è di certo un materiale edile economico, tuttavia è possibile applicare alle superfici della propria casa un prodotto dai costi contenuti che assomiglia molto al marmo e ne imita l’effetto.

gallery stairways hallways desktop image 0015 edit

Cos’è lo stucco veneziano effetto marmo e perché sceglierlo?

Lo stucco veneziano effetto marmo o comunemente detto anche marmorino è una tecnica di decorazione che dona brillantezza alle pareti e particolare eleganza, ottenuta con una miscela di diversi componenti, a base minerale, arricchita con polvere di marmo.

È sempre possibile scegliere il colore delle particelle metalliche presenti all’interno di queste miscele che, oltre ad essere splendide dal punto di vista estetico, sono traspiranti e quindi estremamente resistenti alle muffe e ai batteri, garantendo in questo modo grande durevolezza nel tempo rispetto alle altre vernici. Lo stucco veneziano veniva già usato all’epoca della repubblica veneziana, per pitturare le case colpite da umidità, tipiche della zona. Sebbene questa tecnica pittorica venisse già usata in medio oriente centinaia di anni prima, è proprio dai veneziani che viene perfezionata.

axolotl concrete by axolotl group pty ltd archello scaled

Stucco veneziano: come realizzarlo con il fai da te

Applicare lo stucco veneziano non è un’impresa facilissima: se non avete una grande manualità è sempre meglio rivolgersi ad un esperto del settore, ma in caso contrario si può provare ad applicarlo da soli. Esistono due tipologie di stucco veneziano: quello a calce e quello sintetico. La scelta deve essere fatta sulla base del budget che si ha a disposizione e dell’effetto che si vuole ottenere: mentre infatti lo stucco veneziano a calce è il più pregiato e garantisce una maggior durata nel tempo ma ha dei prezzi molto più elevati, lo stucco sintetico ha una durata inferiore, si danneggia più facilmente ma è in grado di conferire alle pareti lo stesso aspetto dello stucco veneziano a calce. Se quindi avete intenzione di decorare le vostre pareti in modo duraturo e professionale, vi conviene scegliere lo stucco a calce. Se però volete decorare le vostre pareti con dei colori accesi, la scelta migliore è lo stucco sintetico perché ha una resa migliore in questo caso. Il metodo di applicazione dello stucco veneziano è lo stesso, sia che si tratti di stucco sintetico che a calce.

Preparazione della parete

Per prima cosa, dovrete preparare la parete all’applicazione dello stucco veneziano: se presenta delle imperfezioni, vi conviene riempire eventuali buchi, in modo che alla fine sia liscia ed omogenea. Solo a questo punto, potrete applicare il primo strato di primer utilizzando un rullo. Una volta asciugato, controllate se la superficie risulta sufficientemente liscia e, se così non fosse, stendete un’altra mano di primer, quindi lasciate asciugare molto bene secondo i tempi indicati sul prodotto.

stucco veneziano

Applicazione dello stucco veneziano: prima mano

Una volta che il primer sarà ben asciutto, potete iniziare ad applicare lo stucco veneziano: utilizzate la spatola e stendete la miscela cercando di creare uno strato molto sottile e stendendolo in modo casuale, quindi non sempre nella stessa direzione. Una volta finito di applicare la prima mano, rivestite la superficie con dei teli in modo che si asciughi lentamente, per evitare che si formino delle crepe. Lo stucco sintetico impiega circa 4 ore ad asciugare completamente, mentre quello a calce potrebbe richiedere fino a 10 giorni.

Applicazione dello stucco veneziano: seconda mano

Una volta asciutto, applicate la seconda mano di stucco, sempre cercando di stenderlo in modo irregolare. Lasciate quindi asciugare nuovamente secondo i tempi indicati sul prodotto.

La rifinitura

Una volta che anche la seconda mano si sarà asciugata, rifinite la superficie trattata con un frattazzo, facendo dei movimenti circolari per rendere la parete ancora più liscia e lucida. Per potenziare l’effetto lucido, potete usare della cera d’api o sintetica.

f08f16e0944299132f8ae6c9e86f1f33

Le tonalità usate sono veramente tantissime. L’effetto più naturale è quello bianco perlato che ricrea il colore naturale della pietra, ma sono disponibili tantissime scelte. La tinta può essere più o meno forte a seconda della quantità di prodotto utilizzato e presentare diverse sfumature cromatiche personalizzate a seconda dei colori mescolati.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La lista di priorità da preparare prima di un trasloco

Come creare un arredamento audace con texture scure

Leggi anche
Contents.media