TikTok, tre trucchi per la pulizia della casa da evitare

I video "Clean With Me" sono divertenti da guardare, ma la maggior parte dei metodi mostrati sono dispendiosi e addirittura pericolosi.

TikTok mostra innumerevoli video sulla pulizia della casa, ma non tutti sono così sicuri. Quando si clicca sull’hashtag #CleanTok o si cade nella tana del coniglio “Pulisci con me”, si vedono video con acqua calda fumante, secchi per pulire simili a calderoni in cui vengono preparate pozioni di prodotti per la pulizia e schiuma…

tanta, tantissima schiuma.

Questi video possono creare dipendenza, ma dovreste davvero provare i metodi di pulizia che vedete su TikTok a casa vostra? Con l’aiuto di esperti, abbiamo analizzato tre popolari tendenze di pulizia di TikTok da evitare. Tuttavia, alcuni suggerimenti per la cucina sembrano essere utili.

TikTok, tre trucchi per la pulizia della casa da evitare

Espositori eleganti per la lavanderia

La tendenza

L’aspetto del bucato in fantasiosi barattoli da toilette, diffuso su Pinterest, ha visto un incremento su TikTok, dove i video di rifornimento sono popolari per i loro elementi ASMR e visivamente piacevoli.

Perché evitarlo

In una parola? Sicurezza. Quando le cialde di detersivo sono diventate ampiamente disponibili nel 2012, i centri antiveleni hanno registrato un aumento significativo delle chiamate che riguardavano le confezioni colorate, spingendo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie a pubblicare un rapporto che definiva l’esposizione al detersivo contenuto nelle cialde “un rischio emergente per la salute pubblica” per i bambini sotto i 6 anni.

In risposta, i produttori di detersivi hanno riprogettato le confezioni in cialde per il bucato tenendo conto della sicurezza, che viene meno quando le cialde vengono trasferite in contenitori facili da aprire (o addirittura senza coperchio).

Spazzare con le cialde di detersivo

La tendenza

I video “Mop With Me”, in cui elaborati intrugli per la pulizia che coinvolgono qualsiasi cosa, dalle cialde Tide al Comet, vengono mescolati in acqua calda fumante per creare una soluzione per pulire, sono molto popolari su TikTok.

Perché evitarlo

Non ci sono motivi validi per pulire il pavimento in questo modo e ce ne sono diversi per evitarlo. Preparare un “infuso” di prodotti per la pulizia del bucato, del bagno o dei grandi elettrodomestici come la lavastoviglie è costoso, dispendioso, lungo e pericoloso. Inoltre, rovina i pavimenti.

pulizia della casa tiktok da evitare

Cosa fare invece

La pulizia regolare è il modo migliore per mantenere i pavimenti in legno duro o laminato lucidi e senza macchie. Spazzate o passate lo straccio a secco ogni giorno per pulire i pavimenti da polvere, sporco e altri detriti che causano micrograffi. Passate l’aspirapolvere settimanalmente per una pulizia più profonda, assicurandovi di regolare l’altezza dell’aspirapolvere per i pavimenti duri per evitare di danneggiarli. Passate il panno umido sulle aree ad alto traffico una volta alla settimana o una volta ogni due settimane. Se preferite un detergente per pavimenti fai-da-te, con una soluzione di 1 o 2 cucchiai di sapone per piatti in un litro d’acqua.

Mettere una bottiglia di Fabuloso nel serbatoio del WC

La tendenza

Tagliare una bottiglia di Fabuloso, o di un altro detergente multiuso simile, e metterla nel serbatoio del water come detergente automatico per la tazza.

Perché evitarlo

Nessuno vuole un disastro idraulico.

L’inserimento di un flacone di Fabuloso (o di un prodotto simile) nel serbatoio della toilette presenta due problemi. Il primo è una semplice questione di spostamento. Il flacone sposta l’acqua che sarebbe stata contenuta nel serbatoio, provocando uno sciacquone meno potente. Senza una potenza d’acqua sufficiente, soprattutto nei modelli di toilette più recenti, lo sciacquone sarà troppo debole per spostare i rifiuti attraverso le tubature.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I migliori servizi di interior design online

Palma a coda di cavallo per la casa: tutto ciò che c’è da sapere

Leggi anche
Contents.media