Home » Fai da te e bricolage » Pareti divisorie mobili: utilità e consigli per la scelta

Pareti divisorie mobili: utilità e consigli per la scelta

Un divisorio scorrevole permette di nascondere alla vista una stanza aperta o uno spazio delimitato, e, quando non serve, può essere aperto per lasciare visibile e accessibile la zona in questione. Le pareti divisorie mobili sono delle scelte vincenti per dividere gli ambienti e dare l’illusione che lo spazio sia maggiore.

Pareti divisorie mobili

Esistono varie tipologie di divisori, in base alla zona da chiudere, alla necessità e all’uso che ne viene fatto, tenendo sempre presente l’arredamento della casa e il gusto personale.

Parete scorrevole

La scelta classica del divisorio mobile è la parete scorrevole, che consente di isolare una stanza non lasciando filtrare rumori e odori, ma al contempo non pregiudica vistosamente il passaggio della luce.

Le pareti scorrevoli sono una soluzione con ampia possibilità di personalizzazione attraverso la scelta del materiale e della finitura che più si gradisce e si accosta all’arredamento.

È possibile suddividerle, in base alla loro apertura, in esterno e interno muro. Le pareti scorrevoli esterno muro sono quelle che richiedono meno interventi murali, poiché sono agganciate a un binario a sua volta inserito in una guida, la quale può essere fissata a parete o a soffitto, e può essere a sospensione o a incasso totale. Per quanto riguarda le pareti interno muro o a scomparsa, i lavori murari sono più complessi, in quanto occorre abbattere una parete per costruire il controtelaio, che andrà poi rifinito in cartongesso. In questo caso, al momento dello scorrimento, la parente rientra nello spessore del controtelaio.

parete scorrevole

Libreria a doppia facciata

Un’altra soluzione molto valida è la scelta di librerie a doppia facciata, utilissime per separare la zona studio e lavoro dal resto dell’ambiente, soprattutto se quest’ultimo è il soggiorno o comunque una zona giorno. Oltre a separare senza interrompere visivamente lo spazio e a lasciar filtrare la luce, questo tipo di librerie permette a chi sta nella zona studio di avere a portata di mano libri, giornali e occorrente per lavorare.

Le librerie a doppia facciata sono solitamente di gusto moderno o contemporaneo, non sempre adatte quindi a un arredamento di tipo classico. Tuttavia alcune librerie di questo genere, nonostante i materiali innovativi, propongono linee tradizionali, che possono adattarsi allo stile classico.

libreria bifacciale

Separè

Un’ulteriore soluzione sono i separè appesi al soffito, formati da vari pannelli che scendono in verticale, che donano originalità estetica e colore, oltre a dividere in modo molto leggero. Grazie alla loro semplicità di produzione è possibile sceglier i materiali e le fantasie che più si preferiscono e si adattano all’arredamento.

separè

Fortunatamente il commercio offre una scelta sempre più ampia per ottenere la separazione più adatta alle proprie esigenze architettoniche ed estetiche.

Leggi anche:

Arredamento vegano: le nuove frontiere del design

Amianto in casa: come fare per la bonifica

Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.