Come la principessa Diana ha decorato il suo alloggio privato a Kensington Palace

Sembra che preferisse colori morbidi e tenui.

Tutti concordano sul fatto che la principessa Diana fosse un’icona della moda, ma era anche molto di più. Non solo era un’umanitaria ispiratrice e una madre devota, ma si scopre che era anche una vera e propria maestra del design d’interni.

Tutto iniziò quando si trasferì negli appartamenti 8 e 9 di Kensington Palace come nuova sposa all’età di 20 anni. Cercò l’aiuto del designer d’interni Dudley Poplak per trasformare la casa in modo che riflettesse i suoi gusti, pur onorando l’edificio del XVII secolo. Il risultato: un’interpretazione moderna dell’arredamento tradizionale. Kensington Palace, tra l’altro, è stato anche il luogo in cui ha vissuto il principe Harry per diverso tempo.

La principessa Diana e il suo alloggio privato a Kensington Palace

Nel salotto, Diana e il principe Carlo hanno optato per pareti giallo pallido, un arazzo fiammingo come punto focale e un tappeto vibrante con dettagli verdi e arancioni. Tuttavia una poltrona arancione tenue è il pezzo che ruba la scena, poiché è una scelta davvero sorprendente. E proprio come nella casa del principe William, era piena di foto di famiglia.

Il salotto fungeva anche da spazio di lavoro di Diana, ed è per questo che era caratterizzato da colori femminili, come una carta da parati con motivi blu. Per i divani, Diana scelse un unico rosa fumé, che ci ricorda un po’ il popolare rosa millenario di oggi (vedi, era sempre in anticipo sui tempi). Le pareti erano anche coperte da librerie bianche che erano piene di libri della Principessa.

Principessa Diana

La nursery era una suite che copriva l’intero piano superiore della casa della coppia, e comprendeva camere da letto separate per il principe William, il principe Harry e le loro tate. Lo spazio è stato progettato da Dragons and Walton Street, una società di design di lusso per bambini. Hanno optato per morbide pareti color crema e un tappeto giocoso ricoperto da una stampa di fragole.

In netto contrasto, la sala da pranzo aveva un design molto più audace, cosparso di accenti orientali. La maggior parte dei mobili aveva una finitura laccata scura con tocchi d’oro e le sedie erano fatte di bambù ornato. Le tende rosso intenso offrivano un’esplosione di colore che si adattava ancora alla tavolozza drammatica.

Anche se ogni stanza vanta un’atmosfera molto diversa, tutte rappresentano i gusti freschi ma tradizionali di Diana. Visto? C’è un motivo per cui ancora oggi si parla di lei.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le case di Meghan Markle e del principe Harry: la storia

La villa di Chrissy Teigen e John Legend a Beverly Hills

Leggi anche
Contents.media