Come utilizzare il termosifone e ridurre i costi di riscaldamento

Scoprite come pulire l'impianto di riscaldamento con la nostra facile guida.

Se sapete come spurgare un termosifone, potrete ridurre i costi di riscaldamento in modo efficace. Proprio come per sbloccare un bagno, esistono metodi fai-da-te per eseguire il lavoro. Se non lo fate, potreste pagare un costo di riscaldamento più alto per radiatori inefficienti che non forniscono un riscaldamento adeguato alla vostra casa.

Con l’aumento dei costi energetici, questa è l’ultima cosa di cui ogni proprietario di casa ha bisogno. Indicativamente, i radiatori dovrebbero essere spurgati ogni cinque-sei anni per ottenere il massimo delle loro prestazioni e mantenere basse le bollette.

Come utilizzare il termosifone e ridurre i costi di riscaldamento

Procuratevi l’attrezzatura giusta

Per poter effettuare lo spurgo di un radiatore, assicuratevi di avere i seguenti strumenti:

– Una chiave per lo spurgo del radiatore

– Un martello di gomma

– Una chiave inglese

Inoltre, è necessario disporre di vecchie lenzuola e/o asciugamani per pulire eventuali perdite di fango o acqua che fuoriescono dal radiatore e di un secchio per raccogliere l’acqua e la sporcizia quando si scarica l’impianto di riscaldamento.

Spegnere il riscaldamento

Successivamente, è necessario spegnere il riscaldamento e lasciare che il radiatore si raffreddi per evitare di bruciarsi.

Considerate un’ora e mezza di tempo per far raffreddare correttamente i termosifoni dopo averli spenti.

Spegnere le valvole

Per separare il radiatore dal resto del riscaldamento centrale, spegnete le valvole alle due estremità del radiatore. A tal fine, spegnere la TRV (valvola termostatica del radiatore) ruotandola manualmente in senso orario o in posizione “0”.

Per spegnere la valvola del detentore, è necessario rimuovere il tappo di plastica e utilizzare una chiave per ruotare la valvola in senso orario. Prendete nota di quanti giri sono stati necessari per spegnere la valvola del detentore, perché dovrete girarla lo stesso numero di volte nell’altro senso quando rimetterete il radiatore sulla parete.

Quindi, utilizzare una chiave per allentare il dado che unisce il radiatore al TRV.

Utilizzate un secchio per raccogliere l’acqua

L’acqua potrebbe gocciolare dal TRV, quindi posizionate un secchio sotto di esso per raccogliere il liquido in eccesso. Quindi, utilizzare una chiave di spurgo del radiatore per aprire la valvola di spurgo e rimuovere la pressione dell’aria. Una volta rimossa tutta l’aria, l’acqua dovrebbe iniziare a fuoriuscire dalla valvola di spurgo.

come ridurre i costi di riscaldamento con il termosifone

Svuotare il radiatore

Attendete che tutta l’acqua sia defluita dal TRV, assicurandovi che tutta la morchia e l’acqua sporca siano state rimosse. Quindi allentare il dado della valvola del detentore con la chiave e inclinare il radiatore per far uscire l’acqua anche da quel lato. Una volta scaricata, chiudere la valvola di spurgo con la chiave di spurgo.

Togliere il radiatore dalla parete

Ora staccate il radiatore dalla parete e spostatelo all’aperto, dove potrete innaffiarlo. È un lavoro disordinato, quindi assicuratevi di coprire gli ingressi del radiatore con un asciugamano o con sacchetti di plastica mentre lo portate in giro per la casa, perché probabilmente ci saranno ancora acqua sporca e fango all’interno.

Consigliamo anche di chiedere a un amico di aiutarvi a trasportare il radiatore potenzialmente pesante all’aperto, per evitare di ferirvi.

Sciacquare il radiatore

Per eliminare lo sporco rimasto nel radiatore, è necessario collegare un tubo flessibile all’ingresso della valvola del radiatore e aprire il rubinetto al massimo. Il flusso di acqua pulita che attraversa il radiatore ed esce dall’altro ingresso dovrebbe portare con sé tutto il fango.

Usate il martello di gomma per picchiettare il radiatore e rimuovere ogni residuo di fango. Ripetete questo processo collegando il tubo all’ingresso della valvola all’altra estremità del radiatore per far uscire più fango possibile finché l’acqua non diventa limpida.

Ricollegare il radiatore

Una volta pulito, riagganciate il radiatore alla parete, serrate nuovamente i dadi e aprite entrambe le valvole, ricordandovi di girare la valvola del detentore lo stesso numero di volte che avete fatto quando avete rimosso il radiatore. Aprire la valvola di spurgo con la chiave del radiatore per consentire all’aria intrappolata di uscire dallo sfiato.

Controllare la pressione della caldaia

Lo scollegamento del radiatore può provocare una diminuzione della pressione della caldaia, per cui potrebbe essere necessario rabboccarla. La pressione della caldaia dovrebbe essere compresa tra 1 e 1,5 bar. Se la pressione è scesa al di sotto di 1 bar, è necessario ripressurizzare il sistema utilizzando il circuito di riempimento esterno.

Per i consigli su come ripressurizzare l’impianto della caldaia, consultare sempre il manuale del produttore della caldaia. Come vedete, con questi semplici passaggi riuscirete a contribuire a ridurre i costi di riscaldamento.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Redazione Online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa consuma più elettricità in casa? Gli elettrodomestici da tenere d’occhio

Quanto costa gestire una coperta elettrica? Ecco cosa c’è da sapere

Leggi anche
Contentsads.com