Cucine color biscotto, come abbinarle al meglio?

Il color biscotto, particolare e originale, sa essere una soluzione davvero gradevole per le pareti di molte cucine. Vediamone i migliori abbinamenti.

L’utilizzo del color biscotto è un modo creativo e originale per rendere una cucina accogliente, sobria e calda, grazie all’avvolgente tinta, adatta a un ambiente così centrale in ogni casa.

Leggi anche: “Nuovo servizio da tavola Tutti Frutti di Dior: stile e funzionalità

Una tinta adatta a tutti

Questa cromia ha infatti la capacità di creare un’atmosfera che rimandi al sapore e all’odore di buono; elegante e rilassante, confortevole e luminosa. La tonalità è cremosa e crea l’illusione di uno spazio maggiore rispetto a quello che effettivamente racchiude.

Il color biscotto ha grande versatilità e può abbinarsi a svariati stili, la sua naturalezza rende lo spazio delicato e gli conferisce la peculiarità di calmare chi lo abiti.

Come associare il color biscotto

Sfumature calde

Il biscotto è un colore chiaro e neutro, che non stona mai. Particolarmente gradevole all’occhio è l’abbinamento con tinte calde affini, pensiamo al marrone o alle varie gradazioni della terra. Anche il legno e le sue colorazioni funzionano associate al color biscotto, con il quale stabiliscono una relazione di armonia e continuità visiva.

Bianchi e grigi

Una combinazione di grigio e biscotto dà origine a un ambiente contemporaneo, tanto di tendenza nel Nord Europa.

Abbinato al bianco – o al tortora – questo colore origina ambienti estremamente luminosi. Per uno stile raffinato o minimalista, potremmo orientarci su questa coppia cromatica: pareti biscotto, soffitti bianchi e arredi in marmo candido, con inserti in legno e magari travi sul soffitto. Ecco una cucina essenziale, eppure elegantissima. Luminosità e stile vanno a braccetto in questa soluzione.

color-biscotto-abbinamento-cucina

L’audacia del nero

Il biscotto si abbina bene anche al nero. In questo caso, il mood della cucina sarà completamente diverso rispetto a quelli descritti in precedenza.

La potenza del nero è sinonimo di eleganza ma anche di austerità. La scelta del nero, audace per una cucina, potrebbe rivelarsi pesante; valutiamo di inserire mobili e arredi in acciaio, per un’idea di funzionalità e potenza ma anche per stemperare il contrasto tra le due cromie principali.

Leggi anche: “Come dare carattere a una cucina contemporanea

Verde, giallo e rosso

Qualora ci piacciano i colori vivi, o nel caso in cui desiderassimo allestire una cucina giovane e accattivante, potremmo pensare di abbinare al color biscotto i caldi pastelli rosso o giallo, oppure il rilassante verde.

Queste cucine non piaceranno a tutti ma sono capaci di dare origine a un ambiente glamour, alla moda e giovanile. Un giallo vivo, lucido e brillante per i mobili può massimizzare la luminosità nell’ambiente, caratterizzandola molto di più di quanto farebbe un bianco. Il rosso è ancor più aggressivo ed è una tinta che ispira concentrazione e attenzione, suscitando contemporaneamente la fame.

Un verde scuro crea una cucina poco luminosa, togliendole luminosità, dunque dobbiamo anche qui giocare con gli arredi, come nel caso di un nero. Un bel verde chiaro, invece, magari molto brillante, può rappresentare la giusta via di mezzo tra bianco e giallo, originando uno spazio calmante e rilassante.

Scritto da Mattia Mezzetti
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La casa di Raul Bova e Rocio Munoz Morales nel cuore di Roma: stile e interni

Le principali tendenze dei divani: stile in casa

Leggi anche
Contents.media