Tillandsia, la pianta perfetta per gli interni di casa: ecco perché

In questo articolo, vi illustriamo il genere di pianta Tillandsia e vi spieghiamo perchè questa venga considerata la pianta d'appartamento perfetta.

Prevedere delle piante negli interni di casa non può che essere una buona idea per impreziosire il design, le piante, peraltro, sono anche amiche della nostra salute, e le opportunità di scelta per quel che riguarda le specie “da appartamento” non mancano affatto.

Nel “mare magnum” di piante adatte agli interni, tuttavia, ce n’è una che è considerata assolutamente perfetta per essere ospitata tra le mura domestiche, una pianta che, come vedremo, presenta delle caratteristiche uniche nel suo genere: stiamo parlando della Tillandsia.

Il genere Tillandsia include circa 600 specie che presentano varie sfaccettature, ma che sono accomunate da una peculiarità assai speciale: esse non necessitano di terriccio, non a caso la Tillandsia è chiamata anche “air plant”, ovvero pianta dell’aria.

La Tillandsia, infatti, si nutre dell’umidità presente nell’atmosfera, di conseguenza non deve essere messa a dimora in vaso, men che meno in spazi di altro tipo.

È evidente come queste piante siano decisamente “sui generis”, ma perché meritano di essere considerate la pianta d’appartamento perfetta? Andiamo a scoprirlo!

Un’estetica unica e accattivante

Partiamo dall’aspetto più evidente, ovvero quello estetico: vedere una pianta che si presenta completamente “nuda”, senza essere messa a dimora, non è una cosa che capita tutti i giorni, di conseguenza la Tillandsia sa essere molto decorativa e sa catturare l’attenzione già a primo acchito.

Non necessitando di terriccio, le Tillandsia possono essere utilizzate per realizzare delle vere e proprie creazioni di design: è possibile tenerle sospese, utilizzando un gancio, si può collocarle su una struttura metallica, in un’ampolla di vetro… le possibilità sono infinite, e per ammirare alcune creazioni si può dare un’occhiata al sito giunglaurbana.com, e-commerce di un brand che ha scelto di valorizzare al massimo la bellezza di questa pianta.

Massima facilità di gestione

La Tillandsia è una pianta estremamente facile da gestire, stiamo d’altronde parlando di un tipo di pianta che si contraddistingue per una grandissima resistenza, resistenza che le ha consentito, appunto, di poter fare a meno persino del terriccio.

Una pianta come questa, dunque, sa essere perfetta anche per i neofiti, e per chi, in generale, ha poco tempo da dedicare alla sua cura.

A differenza della grande maggioranza delle piante, inoltre, la Tillandsia non deve neppure essere innaffiata con regolarità: delle nebulizzazioni periodiche, associate a saltuarie immersioni in acqua di alcuni minuti, sono più che sufficienti per tenerla in salute.

I periodi di assenza non sono un problema

Può assolutamente capitare di assentarsi da casa per lungo tempo, magari per motivi di lavoro, oppure per trascorrere le proprie ferie, e queste occasioni sono sempre piuttosto critiche per le piante.

In virtù di quanto appena detto, la Tillandsia sa essere la pianta domestica perfetta anche da questo punto di vista: alcune settimane di assenza, dunque senza effettuare annaffiature, non rappresentano un problema.

Massima adattabilità, anche agli spazi più ristretti

Le piante Tillandsia sono disponibili in diverse dimensioni, di conseguenza possono adattarsi a qualsiasi contesto.

Si possono scegliere delle piante più vistose, certamente, ma anche delle vere e proprie piante mini; il fatto che non occorra alcun vaso per la messa a dimora, ovviamente, non fa che ridurre in maniera ulteriore gli ingombri.

Un aspetto non irrilevante, questo, se si considera che oggi in tantissime abitazioni riuscire ad ottimizzare gli spazi è indispensabile.

Più salubrità dell’aria

L’aria che respiriamo in casa, al contrario di quanto si potrebbe credere, non è impeccabile: tra gli agenti inquinanti che si insinuano dall’esterno e quelli che sono tipici degli ambienti interni, derivanti ad esempio dalle vernici del mobilio, oppure dai detersivi che vengono utilizzati, le minacce per la nostra salute sono concrete.

Le piante sono utilissime anche in tal senso, per rendere più salubre l’aria respirata tra le mura domestiche, e le “air plant” sono davvero eccezionali, è stata infatti dimostrata la loro capacità di assorbire diverse sostanze nocive, come il benzene e la formaldeide.

Non solo: dal momento che la Tillandsia si nutre di acqua per via aerea, sa essere una scelta ottimale anche per evitare che negli ambienti interni si sviluppi un’umidità eccessiva.

Scritto da Redazione Online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali colori si abbinano al verde salvia? Ecco alcuni trucchetti

Villa Certosa: la sfarzosa residenza di Berlusconi

Leggi anche
Contentsads.com