Carta da parati anni 60, un tuffo nel passato con stile

Carta da parati anni 60, un salto nel tempo tra mille fantasie colorate e forme geometriche

La carta da parati anni 60 è una buona scelta, bella quanto estremamente impegnativa. Anzitutto, bisogna controllare con accuratezza che i propri mobili si possano adattare bene ad un cambio di look con la carta da parati di questo genere, come stile e colori: in caso contrario, si può comunque sempre rimediare con dei pennelli e un po’ di pittura, che basteranno per adattare al meglio il vecchio arredamento al nuovo stile.

Ovviamente acquistare tutti i mobili farà sì che la situazione sia più semplice e immediata da gestire. Vediamo insieme tutto quello che serve sapere per avere una stupenda casa anni 60.

carta da parati wahida rosa pallido

Carta da parati anni 60, adattarla a pavimenti e rivestimenti

Prima di pensare all’arredamento, è opportuno avere ben chiaro quali colori si vogliono utilizzare e come si potrebbero abbinare fra loro per far sì che si adattino in modo armonico con pavimenti e possibili rivestimenti. Alla carta da parati anni 60 si adattano bene tonalità neutre: se il pavimento di casa è in gres porcellanato effetto legno sicuramente non si presenterà nessun tipo di problema a livello di abbinamenti. Colori tenui, bianco anche lucido ma senza decorazioni restano l’ideale. In ogni caso, sperimentare può dare risultati insoliti e sorprendenti: si può provare ad usare carta da parati diversa nelle tante zone della casa.

Per poter abbinare la carta da parati anni 60 è necessario dunque cercare un equilibrio fra i colori. Se si decide di creare un accostamento unico, si potrà giocare con suppellettili a contrasto con la tua carta da parati anni 60, come possono essere ad esempio delle piante in grado di apportare anche luminosità.

carta da parati triton arancio 1

Carta da parati anni 60, quale scegliere

Era piuttosto frequente nelle case dei nostri nonni ma adesso è diventata anche di tendenza: la carta da parati con motivi geometrici, dai colori accesi. Come sceglierla al meglio? Per prima cosa, si cercherà di visualizzare tutti i tuoi punti di luce e sarà in base a quelle che sono i livelli di luminosità a guidarti per capire quali tonalità applicare. Si deve scegliere sempre la carta da parati anni 60 che crei un ambiente unico, affinché il salto retrò sia anche piacevole per gli occhi oltre ad essere originale.

ornami graphic manifesto3 1200x900

Scritto da Debora Carlini
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lo zigzag può elevare il design nella tua casa

Lampade da tavolo per il soggiorno: quale scegliere

Leggi anche
Contents.media