COME PULIRE CASA DOPO LAVORI O RISTRUTTURAZIONE

Dopo che in un’abitazione sono stati effettuati interventi edilizi più o meno importanti (ampliamento, manutenzione, ristrutturazione ecc.), uno dei problemi più urgenti da affrontare sono i lavori di pulizia; dopo un’opera edilizia, infatti, è inevitabile la presenza di una grande quantità di polvere, di calcinacci, di residui di altri materiali, di macchie di sporco, colla, silicone ecc.

Fortunatamente, con un po’ di pazienza e di organizzazione, è possibile effettuare delle pulizie domestiche a regola d’arte per godersi al meglio il nuovo aspetto della casa.

Pulizie domestiche: come affrontarle per il meglio?

L’opera di pulizia dopo un intervento edilizio può richiedere molte ore quindi è opportuno organizzarsi in modo da ottimizzare i tempi.

La prima cosa da fare è preparare l’ambiente; se si devono rimuovere attrezzature, mobili o altri oggetti ingombranti dalle stanze, è consigliabile farlo prima di iniziare i lavori di pulizia.

Una volta che tutti gli ingombri sono stati rimossi possiamo iniziare l’opera di pulizia vera e propria; ecco una classica scaletta di lavoro:

  • preparazione dell’occorrente
  • pulizia di pavimenti, fughe e battiscopa (il cosiddetto zoccolino)
  • pulizia delle finestre (vetri e infissi)
  • pulizia di porte e telai
  • pulizia dei vari sanitari (lavandini, lavelli, vasche ecc.)
  • pulizia dei termosifoni.

Preparazione dell’occorrente

Per effettuare una pulizia accurata occorreranno detergenti di vario tipo (per vetri, da pavimenti, per sanitari ecc.), prodotti sgrassanti, strofinacci, stracci per pavimenti, aspirapolvere senza filo (detto anche scopa elettrica senza fili), spazzolone, piumino da termosifoni, guanti, mascherina antipolvere.

Pulizia di pavimenti, fughe e battiscopa

La pulizia dei pavimenti e dei battiscopa può risultare decisamente impegnativa.

Per prima cosa è necessario procedere con la rimozione di eventuali residui grossolani di colla, macchie di imbiancatura o di altro tipo ecc.

Una volta rimosse le macchie grossolane, si può procedere con la rimozione della polvere. Per ottimizzare i tempi è consigliabile ricorrere, per esempio, a una scopa elettrica senza fili Dyson che può essere manovrata con grande precisione e per di più è svincolata da qualsiasi connessione alla rete elettrica; si elimina anche il fastidioso ingombro del cavo. I modelli attuali, inoltre, sono decisamente più leggeri dei modelli tradizionali.

In particolare, i prodotti Dyson (per esempio l’aspirapolvere senza filo Dyson V15 Detect Absolute o il modello Dyson V12 Slim Detect Absolute) sono tecnologicamente molto avanzati; sono infatti dotati di rilevamento laser della polvere, grazie al quale vengono rilevate anche le particelle di polvere che l’occhio umano non è in grado di vedere; altre caratteristiche innovative di queste scope elettriche sono la rilevazione acustica della polvere (un sensore piezoelettrico conta e misura le particelle di polvere fine) e la tecnologia anti-groviglio che serve a prevenire il fastidioso aggrovigliamento di peli e capelli intorno al rullo.

Pulizia delle finestre (vetri e infissi)

Come nel caso dei pavimenti, anche in questo caso è necessario prima effettuare una sgrossatura eliminando le macchie più ostinate con un panno in microfibra imbevuto di un detergente multiuso. Eventuali macchie di imbiancatura verranno via facilmente anche con un panno imbevuto di sola acqua; al più ci si può aiutare con un raschietto, da usare però con molto delicatezza per non rischiare di graffire i vetri. Una volta eliminate le macchie più grosse si puliscano gli infissi dopodiché si può procedere con una pulizia accurata dei vetri con un detergente specifico per vetro.

Pulizia di porte e telai

Nel caso di porte e telai in legno si può procedere delicatamente con un panno morbido leggermente inumidito da passare su tutta la superficie della porta, dopodiché si può risciacquare e asciugare. Se la porta è in vetro, si proceda come indicato nel sottoparagrafo precedente.

Pulizia dei sanitari

Per la pulizia dei sanitari si può procedere ricorrendo a prodotti appositi (sgrassanti, detersivi per lavandini, prodotti per la pulizia del bagno ecc.).

Pulizia dei termosifoni

La pulizia dei termosifoni può essere piuttosto complessa; è consigliabile procurarsi un piumino da termosifoni per rimuovere la polvere dai punti ai quali non è possibile accedere in altri modi; dopodiché si può procedere con una pulizia più approfondita con una spugnetta imbevuta di una miscela di acqua tiepida e sapone di Marsiglia. Si proceda poi con una rapida asciugatura.

Un’ultima nota: ci si ricordi di pulire anche i lampadari, accessori sui cui la polvere tende ad accumularsi in grande quantità.

Scritto da Cristina Di Fede
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come decorare il corridoio per Natale: una splendida atmosfera

Leggi anche
Contentsads.com