La Casa Bianca di Obama: il dietro le quinte della decorazione

Alcuni retroscena sul progetto di decorazione scelto dalla famiglia Obama.

Michael S. Smith, affermato designer, ha svelato alcuni retroscena sulla decorazione della Casa Bianca di Obama nel 2008 e 2009. E per entrare maggiormente nel mood, abbiamo anche fatto un piccolo tour riassuntivo delle case della famiglia reale.

La Casa Bianca di Obama: un nuovo progetto

Il tuo nuovo libro è una buona e lunga lettura, non il tipico libro da tavolino.

Abbiamo pensato che un argomento serio meritasse un esame serio.

Una tua amica, l’agente immobiliare Katherine Malkin, che era vicina a Desirée Rogers, la segretaria sociale della Casa Bianca dal 2009 al 2010, ti ha scritto una lettera di raccomandazione per il lavoro. Ha dichiarato che lei si muove alla velocità della luce, si attiene alle sue convinzioni, è socialmente responsabile e un genio.

Ha dimenticato qualcosa?

È mia abitudine non mettere in dubbio le iperboli positive.

Quando Rogers ha chiamato per dire che gli Obama la stavano considerando per la posizione, stavi prendendo il sole su una spiaggia da qualche parte. Come è andata la chiamata?

Come in un film, si pensa sempre che questo tipo di chiamate siano false. Ma questa era molto definitiva e concreta, quindi sapevo che era vera. La chiamata è arrivata durante la festa del Ringraziamento, quindi ero in vacanza. È stato un momento straordinariamente snervante.

Di cosa hai tenuto conto per prima cosa quando hai iniziato a progettare le stanze della Casa Bianca?

La signora Obama è stata molto chiara: la questione numero uno era che avrebbero spostato i loro figli piccoli da un posto dove si trovavano benissimo. Avevo bisogno di creare all’interno di questo grande punto di riferimento nazionale uno spazio che fosse accogliente e nascosto. Quindi creare le stanze delle ragazze era il punto principale dell’ordine del giorno.

Durante il vostro primo incontro, la signora Obama ha menzionato che le sue figlie, Malia e Sasha – 10 e 7 anni all’epoca – volevano “schiocchi di colore”. Bisogna cambiare modalità quando si disegna per i bambini?

Ovviamente queste non erano le tipiche camere per bambini, ma la cosa più importante era essere il più possibile riflessivi e investigativi, sapendo che i loro interessi cambieranno rapidamente. Quello che vogliono a 5 anni, per esempio, sarà diverso quando ne avranno 8. Qualsiasi cosa permanente e specifica dell’età nella stanza di un bambino è una cattiva idea.

Casa Bianca di Obama decorazione

La Casa Bianca di Obama: nuove sfide

Quali sono state le altre sfide che hai affrontato?

Progettare alla Casa Bianca è come costruire un modellino di nave in una bottiglia. Il processo, la programmazione, la sicurezza: è un sacco di lavoro richiesto per fare movimenti molto piccoli.

Come decoratore, sei stato anche incaricato di disegnare la porcellana presidenziale. Quali altri lavori inaspettati ti sono stati affidati?

Mi è stato chiesto di suggerire dei regali di stato per gli Obama da dare ai dignitari in visita.

Hai scelto opere di grandi artisti americani come Robert Rauschenberg ed Ed Ruscha per i quartieri privati. Cosa hanno portato in quegli spazi?

La cosa sorprendente degli interni della Casa Bianca è che le stanze sono molto alte. Un grande quadro contemporaneo è davvero meraviglioso, e le pareti possono accoglierne uno. L’arte ha fatto sentire gli spazi più del 21° secolo.

Quando lo hai incontrato, l’allora presidente Barack Obama ha commentato dicendo: “Sospetto che lei debba essere davvero bravo in questo”. Cosa ne pensi?

È piuttosto carino da dire da parte sua. Sarebbe bello in futuro essere associato alla bravura nel mio lavoro, anche se spero che la gente abbia anche altre cose da aggiungere.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le librerie moderne a parete che arredano casa: modelli e materie

Le case di Meghan Markle e del principe Harry: la storia

Leggi anche
Contents.media