Materasso matrimoniale: quale scegliere in base alle proprie esigenze

Tutti i suggerimenti per scegliere il materasso matrimoniale più adatto alle proprie necessità.

Per trascorrere notti tranquille, garantendo la miglior qualità del sonno possibile, la scelta del materasso è fondamentale. Prendere la decisione sbagliata infatti potrebbe compromettere il proprio benessere e il proprio riposo. Qualità ed esigenze sono il punto di partenza per scegliere il materasso matrimoniale perfetto.

Materasso matrimoniale: tutti i consigli

Numerose sono le tipologie di materassi matrimoniali presenti in commercio. Qualità, materiale e dimensione sono ciò che li contraddistingue, ma non solo. Anche la tecnologia infatti gioca un ruolo fondamentale per garantire il giusto benessere, e i materassi matrimoniali Tempur sono il perfetto esempio di unione tra comfort e utilizzo di tecnologie avanzate.

Di seguito tutti i consigli per la scelta.

Abitudini e peso

Al contrario di quanto si possa pensare, le abitudini e il peso corporeo sono i primi parametri da considerare. La posizione in primis è un fattore molto importante. Chi dorme in posizione supina, steso sulla schiena, avrà bisogno di un materasso più rigido, in modo da garantire il giusto sostegno alla colonna vertebrale. Per chi dorme sul fianco, invece si consiglia di optare per un materasso meno rigido, che permetta alla spalla di sprofondare un po’, in modo da consentire una posizione confortevole.
Per quanto riguarda il peso corporeo, pesi diversi hanno bisogno di sostegni differenti. Le persone più pesanti, per esempio, necessitano di materassi più rigidi. Chi è di corporatura più esile ha invece bisogno di un materasso più flessibile, sul quale il corpo possa aderire nel modo corretto.

Altezza e spessore

L’altezza e lo spessore del materasso sono due criteri fondamentali da considerare nella scelta. Un materasso troppo alto infatti potrebbe essere difficile da gestire mentre uno troppo basso potrebbe rivelarsi scomodo e poco salutare, causando dolori muscolari, cervicali e alle articolazioni. Lo spessore giusto quindi si aggira tra i 23 cm e i 30 cm. Sicuramente è poco utile scegliere materassi che superano i 26 cm, a meno che non sia abbia bisogno di un futon per dormire per terra.

La scelta del materiale

Il materasso può essere realizzato in differenti materiali, a seconda delle proprie esigenze e preferenze.

Materasso a molle

Il materasso a molle è il modello tradizionale. Caratterizzato da molle che garantiscono elasticità e solidità, è il più consigliato per coloro che cercano un supporto mediamente rigido e traspirante. Adattandosi in modo ottimale alla pressione del corpo, è adatto a qualsiasi tipo di peso e corporatura.

Materasso in lattice

Il materasso in lattice è naturale e traspirante, per cui adatto a chi soffre particolarmente il caldo. Realizzato con una lastra in lattice, materiale resistente ed elastico allo stesso tempo, è anche antiacaro ed è quindi il modello più usato da chi soffre di allergie alla polvere. Il tipo di morbidezza lo rende perfetto per coloro che sono abituati a dormire su materassi meno rigidi e pesano meno di 90 kg.

Materasso in memory foam

Il materasso in memory foam è molto leggero e flessibile, permettendo una buona distribuzione della pressione durante il sonno. Questo particolare materiale si adatta perfettamente alla forma del corpo, riducendo i movimenti nel momento del riposo, ma non si riadatta alle nuove posizioni in modo istantaneo. Il memory foam infine è un materiale che trattiene il calore del corpo, motivo per cui è particolarmente consigliato per coloro che soffrono il freddo o sono esposti a un clima particolarmente rigido.

Materasso in materiale Tempur

Il materasso in materiale Tempur è realizzato grazie a una formula segreta, che viene perfezionata continuamente. Rispetto ai materassi in memory foam, questo materiale presenta una struttura che lo rende fortemente traspirabile, disperdendo il calore in eccesso. Garantendo una qualità inalterata per 10 anni, l’assorbimento della pressione in maniera uniforme e il trasferimento al minimo dei movimenti, viene largamente utilizzato per alleviare tensione e indolenzimenti in diverse parti del corpo doloranti, durante il sonno.

Scritto da Cristina Di Fede
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come utilizzare le pigne per Natale: idee semplici e creative

Lunghezza delle tende in soggiorno: guida alla scelta

Leggi anche
Contents.media