Piante d’appartamento: come prendersene cura dopo un’ondata di caldo

In questo periodo è importante proteggere le piante per evitare danni irreparabili.

Con gran parte dell’Italia che continua a cuocere sotto il sole cocente, è importante prendere misure vitali per proteggere le nostre piante d’appartamento dal surriscaldamento.

Non siamo gli unici a soffrire durante l’ondata di caldo in tutto il paese: anche le nostre preziose piante d’appartamento stanno lottando per prosperare in questo caldo estremo.

Le piante tropicali e i cactus possono essere ben tollerati dal caldo e dall’umidità, ma la maggior parte delle piante da interno non sono in grado di resistere alle alte temperature e hanno bisogno di cure extra.

Che tu sia un giardiniere esperto o un proprietario di piante alle prime armi, c’è una buona probabilità che tu sappia già quanto il calore possa avere un effetto dannoso sulle piante.

Dai un’occhiata a quello che puoi fare qui sotto.

Piante d’appartamento: attenzione alle scottature

Le piante d’appartamento si affidano alla luce del sole per produrre il loro cibo, ma hanno anche bisogno di protezione dai suoi raggi nocivi. Infatti, gli strati esterni del tessuto fogliare possono bruciarsi con troppa esposizione alla luce, facendo diventare le foglie marroni, bianche o gialle.

La scottatura del sole causa danni irreparabili alle piante, quindi fai attenzione a limitare la quantità di tempo che passano al sole. Tieni la tua pianta in un luogo ombreggiato della casa durante il picco del sole, ed esponila alla luce del sole solo durante i periodi più freschi, come la mattina presto.

Altro consiglio: evita di annaffiare direttamente le foglie se la tua pianta è esposta al sole. Le gocce d’acqua possono ingrandire i raggi e bruciare le foglie.

Piante d’appartamento: mantienile idratate

Uno dei modi migliori per proteggere le tue piante dalle temperature estremamente alte è mantenerle idratate. Il sole forte può seccare il terreno molto più velocemente, quindi controlla regolarmente se ha bisogno di un rabbocco rinfrescante.

È meglio innaffiare la mattina o la sera quando fa più fresco, per evitare che l’acqua evapori prima che la pianta abbia la possibilità di assorbirla.

Piante d'appartamento estate

Piante d’appartamento: assicurati di non innaffiare troppo

Sapere quando e quanto innaffiare le piante è una delle parti più difficili. Le piante d’appartamento hanno bisogno di spazio per respirare, e alcune specie affogano se ne ricevono troppo.

Alcuni segni comuni di una pianta troppo annaffiata includono foglie che diventano marroni nonostante il terreno sia umido, crescita lenta e foglie che appassiscono. Se pensi di aver innaffiato troppo la tua pianta, prova a rinvasarla in un nuovo terreno, rimuovi tutte le foglie morte e spostala in una zona ombreggiata.

Potresti prediligere delle piante da appartamento, tra l’altro perfette anche per la cameretta dei bambini, che richiedono poca manutenzione.

Tieni le piante lontane dai ventilatori

Mentre i ventilatori silenziosi sono un must per l’estate, il forte colpo d’aria può disidratare e asciugare il terreno. Le piante delicate, come le orchidee, possono anche avere i loro fiori danneggiati dalle forti raffiche d’aria.

Sei abbastanza fortunato da avere l’aria condizionata a casa? Ebbene, può danneggiare soprattutto le piante tropicali che hanno bisogno di umidità, quindi fai sempre molta attenzione. Dai la priorità a piante perfette per l’estate.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Casa e famiglia: come mantenere lo spazio pulito e organizzato

Cuscini per esterni: le soluzioni più interessanti e funzionali

Leggi anche
Contents.media