Le vernici a zero COV: tutto ciò che devi sapere

Dai la priorità alla qualità dell'aria durante il tuo prossimo progetto.

Le vernici a zero COV sono di estrema importanza e i motivi sono molteplici. Stai considerando un nuovo colore per il tuo prossimo rinnovo della stanza o per un progetto fai da te? Mentre la vernice può cambiare l’aspetto dei mobili e persino un’intera stanza, le sue sostanze chimiche possono anche causare una serie di effetti negativi sulla salute e contribuire all’inquinamento dell’aria.

Ecco la buona notizia: esistono opzioni di vernici più sane, e molte sono disponibili online in modo da poterle acquistare comodamente da casa. Usa questa guida per saperne di più sui composti organici volatili (COV), il loro impatto sulla qualità dell’aria, e valutare le tue opzioni di acquisto.

Cosa sono i COV?

COV è un acronimo che sta per composti organici volatili. L’Environmental Protection Agency li descrive come “composti chimici organici la cui composizione rende possibile la loro evaporazione nelle normali condizioni atmosferiche interne”. Essenzialmente, questo significa che i COV sono le sostanze chimiche invisibili che sentiamo quando portiamo nelle nostre case prodotti di vernice, forniture edilizie e persino mobili nuovi.

Il processo di evaporazione è chiamato “off-gassing”, e può durare ben dopo che l’odore di vernice nuova è sparito – potenzialmente diversi anni. Cosa sono esattamente queste sostanze chimiche? Formaldeide, d-Limonene, toluene, acetone ed etanolo (e altri) rientrano in questa categoria. I consumatori hanno sperimentato effetti sulla salute a breve e a lungo termine, tra cui mal di testa, irritazione respiratoria e cutanea, problemi al sistema nervoso centrale e persino alcune forme di cancro.

Secondo l’EPA, i COV possono essere da due a cinque volte più alti negli ambienti interni. Tuttavia, ci sono passi che puoi fare per ridurne i livelli in casa.

Qual è la differenza tra vernice a basso COV e zero COV?

Le leggi e i regolamenti sui COV cambiano spesso. Complicando ulteriormente le cose, i regolamenti COV possono anche differire da stato a stato. Mentre le linee di vernice a basso COV sono ampiamente disponibili e utilizzate, esse contengono ancora le sostanze chimiche di cui sopra e rilasciano fumi nocivi, anche se storicamente meno dei prodotti di vernice tradizionali.

Il principale elemento di differenziazione è che i marchi che offrono vernice zero-COV non aggiungono sostanze chimiche alle loro miscele. Quindi, ora che sai cosa sono, cosa puoi fare? Quando scegli i colori, cerca le aziende di verniciatura che soddisfano gli standard di emissioni zero-COV (contenenti 5g/L o meno), e sono disposte a rivelare i risultati dei loro test ai consumatori.

È anche importante che una marca di vernice non includa i COV nel loro processo di colorazione. Possono infatti essere presenti nei coloranti anche se non sono presenti in una miscela di vernice di base.

vernici a zero COV casa

Risorse per le emissioni dei consumatori

Con corridoi di vernice pieni di etichette verdi, disegni ispirati alla natura, e non tossici reclami, può essere difficile sapere come scegliere il miglior prodotto per il tuo progetto. Una cosa a cui prestare attenzione: se una certificazione eco-label è su una lattina, assicurati che sia un test delle emissioni approvato dall’EPA.

L’etichetta Greenguard è un’etichetta ampiamente fidata che potresti aver già visto. Greenguard testa i livelli di emissione di COV e offre una gamma di certificazioni. La certificazione Greenguard Gold è la più rigorosa ed è un buon indicatore di sicurezza. I consumatori possono anche usare il sito web di Greenguard per cercare altri prodotti ecologici a bassa emissione. Individuare il distintivo verde di Greenguard su un prodotto indica che è stato testato e che rientra nella sua gamma di standard di emissioni.

Risorse ecologiche come Building Green o un rivenditore online come Green Building Supply sono anche disponibili per aiutare nel processo di acquisto. Infine, è possibile condurre la propria ricerca controllando la scheda di sicurezza dei materiali di un prodotto, o MSDS, per un elenco di sostanze chimiche utilizzate. Dopo aver scelto la pittura giusta, assicurati di informarti adeguatamente nel caso voglia dipingere una stanza da solo.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il look monocromatico in casa: una tendenza evergreen

Carta da parati anni 90: quale acquistare

Leggi anche
Contents.media