Come dipingere una stanza come un professionista

Dipingere come un vero esperto è possibile. Ecco tutti i consigli.

Dipingere una stanza può sembrare un lavoro facile, ma si può avere successo solo se ci si prepara abbastanza bene. Stiamo per dirti tutto quello che hai bisogno di sapere su come dipingere una stanza come un vero professionista.

Pitturare le stanze da soli non è così difficile, ma richiede anche alcune tecniche precise per un lavoro ben eseguito.

Dipingere una stanza: la preparazione è la chiave

Per ottenere una grande finitura, è necessario iniziare con una buona preparazione. Rimuovi i mobili che puoi dalla stanza e proteggi tutto il resto con fogli di polvere.

Fogli per la polvere

I fogli di plastica per la polvere possono essere scivolosi e tendono a diffondere qualsiasi vernice versata, quindi è meglio usare un foglio di cotone per la polvere che assorbirà la vernice.

Meglio ancora, un foglio di cotone con supporto di plastica darà una doppia protezione. Avere un rotolo di asciugamani di carta o salviette a portata di mano per qualsiasi fuoriuscita.

Superfici

È importante che le superfici che hai intenzione di dipingere siano in buone condizioni. Controlla la carta da parati esistente, la pittura o la vernice sui muri, i telai delle finestre, le porte e i soffitti. La carta da parati o la vernice scrostata dovrebbero essere rimosse, i chiodi o i fissaggi rimossi e tutte le crepe e i buchi riempiti.

Una volta che lo stucco si è asciugato, usare la carta vetrata per lisciare l’area. Assicurati che le superfici siano pulite, asciutte e prive di polvere o sporcizia, poi usa del nastro adesivo a bassa aderenza per coprire e proteggere interruttori della luce, prese di corrente e battiscopa. Rimuovi il nastro adesivo una volta che hai finito di dipingere ogni superficie per assicurarti di ottenere una linea pulita.

Se hai intenzione di dipingere una superficie in legno, si applica lo stesso principio – è importante assicurarsi che l’area sia pulita e levigata fino a una finitura liscia prima di iniziare.

Dipingere una stanza: ordine di lavoro

Per ottenere i migliori risultati, dipingi la tua stanza nel seguente ordine:

1. Inizia dal soffitto, perché è la superficie più sporca e scomoda su cui lavorare e la vernice rischia di spruzzare sulle pareti.

2. Poi passa a dipingere i bordi delle pareti intorno agli interruttori della luce, ai battiscopa e agli angoli usando un pennello da 1½ o 2 pollici. Questo si chiama taglio.

3. Dipingere una mano di fondo su qualsiasi superficie di legno come porte e telai di finestre.

4. Poi dipingi le pareti, ma ricordati di finire una parete alla volta per evitare che la vernice si asciughi e lasci segni di marea irregolari.

5. Una volta completate le pareti, torna indietro per aggiungere un’ultima mano di vernice ai vostri lavori in legno.

Dipingere grandi aree

Usare un pennello da 4 pollici o un rullo da 9 pollici. Rullare in più direzioni ad una velocità costante, applicando una pressione uniforme in modo da ottenere una buona copertura. Rullare troppo velocemente ti coprirà di vernice spray!

Telai e davanzali delle finestre e battiscopa

Usa un pennello da 1 pollice o più piccolo, o un pennello angolato per finestre per un maggiore controllo. Per i davanzali, i pannelli piatti e i battiscopa, usa un mini rullo da 4 pollici per vernice lucida o vernice. I pennelli di medie dimensioni da 2 a 3 pollici sono buoni per dipingere tutti i tipi di superfici piane.

Dipingere una stanza: gli strumenti giusti

Pennelli per dipingere

Quando si sceglie il pennello perfetto da usare, vale la pena considerare se usarne uno con filamenti sintetici, setole naturali o una combinazione. I pennelli con filamenti sintetici sono i migliori per l’uso con emulsioni a base d’acqua e vernici lucide. I pennelli con setole naturali, invece, funzionano bene con i prodotti a base di olio. I pennelli con una combinazione di setole naturali e filamenti sintetici sono dei buoni tuttofare.

dipingere una stanza consigli

Rulli

I tipi di rulli includono quelli a pelo corto, medio e lungo. I rulli a pelo corto funzionano meglio su superfici piane come le pareti appena intonacate, dove daranno una finitura liscia e uniforme. Quelli a pelo medio dovrebbero essere usati con superfici precedentemente dipinte o leggermente irregolari. I rulli a pelo lungo sono migliori se usati con superfici ruvide, strutturate o esterne.

Ricordati sempre di sciacquare il manicotto del rullo e di lasciarlo asciugare naturalmente prima dell’uso per rimuovere qualsiasi fibra residua in modo che non si stacchi con la vernice.

Combinando una vernice di grande qualità con un pennello o un rullo corretto e di alta qualità, si riduce la possibilità di aver bisogno di più mani di vernice, si fa meno fatica e si assicura una buona finitura.

Manutenzione successiva

Se ti prendi cura dei tuoi pennelli come si deve, scoprirai che possono durare una vita. Alla fine del tuo progetto, strofina quanta più vernice in eccesso possibile su tovaglioli di carta, poi controlla le linee guida dei produttori per la pulizia – saranno diverse per le vernici a base d’acqua e quelle a base di solventi. Tutto dovrebbe essere pulito attentamente e accuratamente, poi lasciato asciugare completamente prima di essere riposto.

I pennelli dovrebbero essere lasciati ad asciugare piatti o con le setole appese. Se possibile, conservali nella loro confezione originale per garantire che le setole rimangano dritte. In alternativa, possono essere avvolti nella carta.

Se pensi di continuare a dipingere il giorno dopo, non c’è bisogno di pulire i tuoi pennelli – semplicemente avvolgili strettamente in un sacchetto di plastica o in una pellicola trasparente, e saranno pronti all’uso.

Se sei indeciso sul colore da utilizzare, puoi basarti sulle maggiori tendenze in circolazione.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour virtuale: come filmare un tour della casa come un professionista

Le migliori idee di tappeti per un soggiorno a pianta aperta

Leggi anche
Contents.media