Offerte condizionatori: consigli per scegliere al meglio

Un condizionatore può risolvere in maniera eccellente le problematiche legate alla temperatura, provvedendo a erogare aria fresca, calda e a deumidificare.

Un condizionatore può risolvere in maniera eccellente le problematiche legate alla temperatura interna di una stanza, di un appartamento o di un ufficio, provvedendo a erogare aria fresca, calda e persino a deumidificare l’ambiente nei modelli più completi. Sceglierne uno (o anche più di uno) significa valutare tutta una serie di parametri, dall’area da servire al consumo energetico e dallo spazio disponibile per l’installazione alla potenza richiesta. Si tratta ormai di dispositivi ampiamente diffusi, tanto che si possono acquistare in anche online. Se vuoi avere informazioni dettagliate in merito, visita Climamarket.it, il portale dedicato ai prodotti per il condizionamento d’aria e il riscaldamento dell’acqua, dove si può trovare una vasta gamma di climatizzatori delle migliori marche e con caratteristiche tecniche ben in evidenza.

Installazione e split: quello che c’è da sapere

Il condizionatore, come è noto, può essere sia fisso a parete che portatile: quest’ultimo risponde a esigenze di spazi diversi senza richiedere un’installazione vera e propria. Di solito lo si predilige in situazioni dinamiche, nelle quali non s’intenda rimanere a lungo nella medesima abitazione e si desideri condizionare, di volta in volta, stanze differenti. A fronte di tale versatilità, però, c’è da segnalare che un condizionatore fisso ha il vantaggio di risultare meno rumoroso e di possedere un’efficienza energetica maggiore, tanto da essere spesso inserito tra le spese recuperabili con il credito d’imposta o lo sconto in fattura.

Un condizionatore fisso prevede l’installazione di uno split nella stanza desiderata e di un motore all’esterno, anche se esistono modelli più evoluti cosiddetti monoblocco ove il motore è inserito nella medesima struttura. Tali versioni sono da prediligersi in assenza di un balcone o di una parete esterna adeguata a posizionarlo, ma vi è un’altra alternativa molto valida: il condizionatore multisplit, che con un unico motore può servire diverse stanze contemporaneamente. Laddove l’installazione esterna sia possibile, ma su un’area ridotta, si avrà comunque l’opportunità di destinare all’abitazione più di un dispositivo senza dover montare altrettanti motori.

La scelta, ovviamente, va fatta in base alle disponibilità e a fronte di un sopralluogo con personale esperto che sappia consigliare nel migliore dei modi.

Quali caratteristiche valutare nella scelta di un condizionatore

Per quanto concerne la potenza di un climatizzatore, essa viene di norma misurata in BTU, ovvero un’unità di misura anglosassone di consumo orario. La potenza di refrigerazione e riscaldamento di un condizionatore a 7 mila BTU sarà ovviamente inferiore di quella di un 12 mila BTU, ma molto dipende anche dalla coibentazione dell’ambiente stesso e da quanto freddo e calore possano risultare dispersibili, ad esempio per la presenza di finestre o spifferi dovuti a un sistema d’infissi vecchio. Può rendersi necessaria anche una refrigerazione più forte qualora la stanza sia adibita a ufficio o a studio, perché di solito vi sono dispositivi come i computer che sono fonti di calore supplementare.

La classe energetica risulta uno dei parametri di scelta più importanti in quasi tutti gli elettrodomestici e il climatizzatore non fa eccezione: classi dalla A in su rendono il dispositivo efficiente ma ottimizzando i consumi in bolletta e in molti vi è anche la funzione inverter: essa consente al condizionatore di stabilizzare la temperatura modulandone la potenza del motore di volta in volta secondo i parametri prestabiliti; ad essa si abbina anche la modalità ECO, ovvero ecologica, che riduce a sua volta i consumi oppure persino la presenza di sensori di movimento che, qualora non rilevino presenza umana nella stanza, riducono l’attività del motore.

I condizionatori di ultima generazione più completi, inoltre, hanno funzionalità di deumidificatore, oltre a quella di caldo e freddo e risultano piuttosto silenziosi (talvolta con opzione apposita). Non solo, si possono impostare l’orario di inizio attività e spegnimento, oltre alla velocità delle ventole con la funzione turbo per riscaldare o raffreddare più rapidamente la stanza.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bagnolandia aumenta i marchi trattati per l’arredo bagno

Ecco come organizzare al meglio il tuo trasloco

Leggi anche
Contents.media