Pavimenti senza fughe pro e contro dei vari materiali

Pavimenti senza fughe, conoscerne le criticità e sfruttarne i punti di forza: tutto ciò che c'è da sapere.

I pavimenti senza fughe stanno diventando il nuovo simbolo delle case moderne: questa rivoluzione di design si fonda sul principio per cui tutto ciò che è levigato risulta estremamente pulito, elegante, di classe. Il concetto della continuità delle superfici sta diventando sempre più una priorità e considerando che i pavimenti senza fughe promettono tanti altri vantaggi oltre l’estetica è facile capire perchè siano così apprezzati e richiesti.

Pavimenti senza fughe, pulizia e design

Esistono diverse soluzioni per realizzare pavimenti senza fughe ma a prescindere dalla tecnica di realizzazione otterremo sempre un’estetica estremamente di impatto e un eccellente igiene. Il primo vantaggio del pavimento senza fughe è proprio quello di evitare l’accumulo di sporco e polvere che insieme all’umidità e al trascorrere del tempo possono contribuire alla formazione di infiltrazioni e danni. I pavimenti senza fughe sono anche estremamente versatili, offrendo tante alternative in termini di materiali ed effetti.

Per realizzare questo tipo di superficie vengono utilizzate delle piastrelle particolari chiamate piastrelle rettificate che a differenza di quelle standard cui siamo abituati non hanno bordi stondati ma dritti. In questo modo possono essere accostate l’una all’altra in modo perfetto senza spazi e senza che i contorni siano visibili.

Pavimenti senza fughe in ceramica, pro e contro

I pavimenti senza fughe in ceramica si ricavano dalla ceramica riciclata che unisce le qualità del gres porcellanato cioè la robustezza e la versatilità, con questo particolare design. I listelli vengono assemblati tramite strutture a incastro che compongono una superficie finale omogenea, resistente e facile da mantenere. Il pavimento rimane tuttavia piuttosto freddo e in ambito domestico può essere gradevole e consigliabile l’aggiunta di qualche tappeto. Considerando inoltre il peso della ceramica, essa potrebbe non sempre essere il materiale più idoneo per un pavimento, specie per gli appartamenti ai piani alti.

Pavimento in ceramica senza fughe

Pavimento in resina, vantaggi e svantaggi

I pavimenti senza fughe in resina sono diventati molto di moda anche in ambito residenziale perché sono particolarmente resistenti all’umidità e garantiscono uniformità e aderenza. Anche dal punto di vista estetico questo materiale rappresenta un’ottima alternativa perché può generare diversi effetti ottici come lo spatolato e il nuvolato. La resina inoltre assicura un buon mantenimento del calore. Similmente al legno, il pavimento in resina è però soggetto a inestetismi legati all’usura, piccole crepe o graffi, soprattutto se l’utilizzo quotidiano non è accompagnato dalla giusta attenzione.

Pavimento in resina senza fughe

Pavimenti in microcemento, ecco quando convengono

I pavimenti senza fughe in microcemento sono realizzati combinando la malta cementizia ed elementi coloranti: sono perfetti soprattutto per gli ambienti di grande estensione sia all’interno che all’esterno. La gamma di colore è praticamente illimitata e con questo materiale si possono imitare diversi effetti (legno, lucido, materico). Si tratta di un’opzione particolarmente robusta grazie alla resina che viene stesa come ultimo strato trasparente e che risulta anche compatibile con il riscaldamento a pavimento per la sua capacità di resistere al calore. Il microcemento è un composto molto compresso che aderisce perfettamente al suo basamento. Qualsiasi sopravvenuta irregolarità, deformazione o crepa potrebbero quindi indebolirlo.

Pavimento in microcemento senza fughe

Scritto da Elena Piu
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pergola bioclimatica in alluminio: modelli di design outdoor

Arredamento moderno cucina: gli elementi indispensabili

Leggi anche
Contents.media