Pianta di Aloe Vera in casa: come prendersene cura

C'è una buona ragione per cui questa pianta d'appartamento è amata da tutti...

La pianta di Aloe Vera ha fusti spessi e appuntiti che crescono dalla base della pianta a forma di rosetta. Le sue foglie hanno bordi frastagliati e spine flessibili, e può produrre fiori a spillo nei toni del rosso, arancio e giallo.

Ma come prendersene cura in casa? Ecco tutto ciò che devi sapere.

Che cos’è l’Aloe Vera?

La pianta dell’Aloe Vera è originaria della penisola araba, ma ora si può trovare in tutto il mondo. In natura, questa pianta spinosa può crescere fino a un metro di larghezza e ha più di 300 varietà. Come pianta d’appartamento, è un’attraente proposta tropicale. Le sue foglie carnose e seghettate sono impressionanti, e siccome è una succulenta non richiede molte annaffiature. In effetti, è meglio se ti dimentichi di lei per un po’ tra un’annaffiatura e l’altra, perché l’eccesso di acqua potrebbe ucciderla.

L’Aloe Vera a colpo d’occhio

Nome botanico: Aloe barbadensis miller.

Altri nomi: Aloe Vera, aloe di Barbados, aloe amara, aloe da ustione, aloe di Curaçao, pianta di primo soccorso, aloe medicinale, aloe mediterranea, aloe delle Indie occidentali.

Altezza e tasso di crescita: crescita rapida. Come pianta d’appartamento, l’Aloe Vera raggiunge la maturità in tre o quattro anni, con una dimensione delle foglie mature di circa 20-25 cm.

Luce: ha bisogno di luce luminosa ma indiretta. Non risponde bene né alla piena luce del sole né alla luce bassa.

Irrigazione: questa pianta ha bisogno di essere annaffiata profondamente, ma raramente. Deve essere lasciata asciugare completamente tra un’annaffiatura e l’altra, e un’annaffiatura eccessiva può essere fatale.

Temperatura: è una pianta tropicale, quindi preferisce temperature più calde.

Tossicità per gli animali domestici: tossica per gli animali domestici se ingerita.

Livello di manutenzione: questa pianta è a bassa manutenzione, quindi è una grande scelta per qualcuno che inizia a prendere confidenza con le piante d’appartamento.

Come prendersi cura della pianta

Luce

Questa succulenta tropicale ha bisogno di molta luce; come minimo, sei ore di luce luminosa e indiretta al giorno. Senza questo, l’Aloe Vera diventa debole, e i suoi steli possono cadere o allungarsi. Le luci artificiali possono essere usate se sei determinato a coltivare l’Aloe Vera ma la tua casa non ha la luminosità necessaria. È importante ricordare che la luce diretta del sole può bruciare le foglie, quindi una finestra rivolta a sud o a ovest è il posto ideale per una pianta di Aloe Vera felice.

cura Aloe Vera

Annaffiatura

Assicurarsi che l’Aloe Vera riceva abbastanza, ma non troppa, acqua è la parte più difficile della sua cura – e in realtà non è affatto difficile. Poiché l’Aloe è una succulenta, le sue foglie immagazzinano acqua ed è ben abituata agli ambienti aridi. Una buona regola è quella di annaffiare l’Aloe Vera ogni due o tre settimane in estate, e con molta più parsimonia, se non del tutto, in autunno e in inverno. Comunque, dovresti sempre annaffiare secondo i bisogni della tua pianta.

Il terreno dovrebbe essere umido dopo l’annaffiatura, ma dovrebbe essere lasciato asciugare quasi completamente prima di annaffiarlo di nuovo. Se il terreno è troppo umido, le radici della pianta marciranno. Inoltre, questa pianta è perfetta per purificare l’aria della casa; a maggior ragione dovresti prendertene cura.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giardino stile Bridgerton: ecco come ricrearlo in casa

Giardinaggio ad aprile: tutto quello che devi fare questo mese

Leggi anche
Contents.media