Pitture murali: guida alla scelta!

La pittura murale può prevedere il ricorso a pigmenti differenti, variabili per consistenza, colore e composizione chimica.

Quando si parla di “pitture murali” si fa riferimento alla prassi consistente nell’applicazione di pigmenti vari su un supporto fisico ben definito. Supporto che, come si può intuire dal termine, corrisponde alla muratura, ossia alle pareti che costituiscono lo scheletro di un edificio.

La pittura murale può prevedere il ricorso a pigmenti differenti, variabili per consistenza, colore e composizione chimica. La pratica di dipingere le mura di un’abitazione, o un qualsiasi altro fabbricato, si rende necessaria per migliorare la vivibilità dell’edificio stesso, rinnovandone l’aspetto e aumentando il livello di pulizia delle pareti stesse.

A fronte della variabilità accennata, la scelta delle pitture murali potrebbe divenire complicata, specie per coloro che hanno poca dimestichezza con prassi di questo tipo. A tal proposito, vediamo come scegliere le pitture murali in modo efficace, prendendo in considerazione tutti gli aspetti essenziali che concernono l’attività!

La scelta della pittura murale in base alle caratteristiche dell’ambiente

La scelta della pittura murale potrà determinare in maniera significativa l’estetica di un’abitazione. Da ciò ne deriva che acquistare un prodotto senza pensarci, e dunque senza badare alle caratteristiche dell’edificio, potrebbe compromettere l’aspetto esteriore dello stesso.

Nel dettaglio, un primo fattore da considerare, nell’ottica della scelta di una pittura murale, è la tipologia di ambiente da dipingere, ossia gli spazi che saranno oggetto dell’applicazione della pittura stessa. Ogni ambiente detiene caratteristiche ben definite, a partire dalla destinazione d’uso delle stanze presenti in un fabbricato. Questo significa che, in maniera consequenziale, potrà cambiare anche la tipologia di pittura da dover applicare, tenendo conto della necessità di soddisfare certi criteri strutturali.

Da questo punto di vista, una prima distinzione può essere fatta tra ambienti con pareti sane (soffitti compresi) e ambienti con problemi, intaccati da una serie di fenomeni legati alla formazione di muffa, condensa e macchie. Sbagliare nell’acquisto della pittura, in questo caso specifico, potrebbe compromettere in modo non indifferente la parete problematica, comportando conseguenze a catena. Ecco per quale motivo, in frangenti simili, è bene richiedere una consulenza da parte di uno specialista, in modo tale da evitare di comprare una pittura murale che non corrisponda ai requisiti di un ambiente complesso.

La scelta della pittura murale in base alle caratteristiche della pittura stessa

Un secondo fattore da considerare, in merito all’acquisto di una pittura murale, è proprio la tipologia di pittura in sé. Sul mercato sono disponibili pitture murali di varia tipologia, come quelle vendute su Little Greene, e che potrebbero o meno fare al caso del cliente.

Entrando nel dettaglio, in commercio è possibile trovare un’ampia gamma di pitture, variabili sul piano della consistenza, della composizione chimica e degli effetti che le stesse sono in grado di garantire una volta applicate sulle pareti interessate. Si pensi, ad esempio, all’effetto estetico che potrebbe garantire l’applicazione della tempera (prodotto economico privo di resine) decisamente differente rispetto a quanto sarebbe possibile fare utilizzando una pittura traspirante.

E che dire della possibilità di applicare pitture lavabili o le cosiddette smacchiabili?

Entrambe sono dotate di ulteriori proprietà che, rispetto alle pitture più classiche, potrebbero aiutare nella tinteggiatura di pareti piuttosto complesse. Una pittura murale lavabile, tanto per fare un esempio, può essere applicata sui soffitti e in ambienti dove il risultato finale estetico è meno rilevante.

Le pitture murali smacchiabili, invece, si contraddistinguono per la possibilità di essere lavate con grande semplicità, rispetto alle lavabili citate in precedenza. Quindi preferibili per pareti di cucina e ambienti frequentati da bambini.

La scelta della pittura murale in base alla finitura da realizzare

Infine, un ulteriore aspetto da considerare, in vista dell’acquisto di una pittura murale, è la tipologia di finitura che si intende realizzare. Ogni ambiente potrebbe richiedere finiture ben specifiche, il che si traduce nella necessità di acquistare una pittura murale che risponda alla perfezione alle esigenze della muratura stessa.

Un esempio è dato dalla possibilità di realizzare una finitura di tipo opaco. Quest’ultima si contraddistingue per la sua capacità nel “mascherare” le imperfezioni di una parete, nonché le altre irregolarità presenti nell’ambiente. Discorso differente per le finiture di tipo lucido, in grado di riflettere la luce in modo efficace, donando una luminosità non indifferente negli ambienti prescelti. Va detto, però, che le finiture in questione possono mostrare in maniera un poco più evidente i difetti estetici e strutturali della parete, per cui si valuti bene la preparazione dei fondi per ottimizzare l’utilizzo di pitture murali simili.

Altra tipologia di finitura, anch’essa da tenere in considerazione in vista dell’acquisto di una pittura murale, è quella satinata. Si caratterizza per la sua capacità nel riflettere la luce, benché il tutto avvenga in modo meno evidente rispetto a quanto già osservato a proposito della finitura lucida. Più in generale, la finitura satinata è nota per donare un aspetto elegante agli ambienti nei quali verrà applicata, un fattore tutt’altro che trascurabile, indipendentemente dagli spazi da tinteggiare.

La scelta della pittura murale in base alle zone da dipingere

È sempre maggiore l’attenzione del singolo all’impatto ecologico frutto delle azioni di tutti i giorni e per questo che si tende ad utilizzare prodotti più ecologici possibile. Leader a livello mondiale per la produzione di pitture murali ecologiche è Little Greene, disponibile sull’e-shop Rezina®, che si distingue per essere una delle Aziende che produce pochi prodotti di altissima qualità, riconosciuti per essere tra i più ecologici e sicuri, ispirati alla migliore tradizione inglese e in grado di valorizzare qualsiasi superficie ottenendo ambienti preziosi grazie all’intensità dei colori e alla compattezza dei soffitti e delle pareti realizzate. Tra le sue finiture si distinguono Intelligent Matt Emulsion e Intelligent Eggshell sono le più ecologiche e certificate ai sensi della normativa BS EN71 -3: 2013 direttiva sulla sicurezza dei giocattoli, anche per pitturare le camere ed i mobili per le camerette dei bambini.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Perché illuminare portico e giardino con l’applique esterna

Specchiere moderne, un tocco di luce: quale scegliere per la casa

Leggi anche
Contents.media