Saldo e stralcio immobiliare: perchè conviene

Il saldo e stralcio immobiliare è una procedura che consiste nella proposta da parte del debitore ai creditori di una somma inferiore a quella di partenza.

Molte volte, per via delle circostanze della vita, ci si può ritrovare nelle condizioni di non potere più fare fronte all’impegno a restituire un debito contratto, ad esempio un mutuo.

Quando l’ente erogatore, ad esempio la banca, stima di non poter tornare in possesso dell’importo finanziato, può decidere di espropriare il bene immobile posto a garanzia e di venderlo all’asta per recuperare, almeno in parte, l’importo del debito.

Vendita di casa all’asta – Perché non è conveniente?

Purtroppo l’espropriazione di un immobile e la vendita all’asta non comporta la risoluzione dei problemi per il creditore. La vendita di una casa all’asta è una procedura burocratica che sconta lunghi tempi per una conclusione e che ha un esito del tutto incerto. Non è possibile prevedere a priori l’esito economico che si otterrà dalla vendita dell’immobile.

Ogni volta che una seduta d’asta finisce deserta, il Tribunale può disporre una nuova sessione, ma il prezzo dell’immobile per ciascuna di essa si riduce del 25%.

Da ciò ne deriva che il creditore non è ansioso di giungere alla vendita dell’immobile all’asta, ma che vi ricorre come ultima misura a sua disposizione per trarre soddisfazione per le proprie pretese.

Allo stesso modo, non si tratta nemmeno per il debitore di una forma di liberazione dai propri impegni. Qualora – come è molto probabile – l’importo di realizzo dalla vendita all’asta non sia tale da coprire per intero l’importo del debito, il debitore resterà responsabile per l’insoluto rimanente. Ciò significa che il creditore potrà provvedere ancora ad aggredire le sue fonti di reddito, il suo conto corrente; inoltre il soggetto indebitato resterà iscritto sul registro dei cattivi pagatori e non potrà richiedere nuovi finanziamenti e aprire nuove carte di credito.

Arrivare alla vendita della casa all’asta dunque non è affatto una situazione piacevole per nessuna delle parti in causa. Per fortuna esiste una soluzione molto più vantaggiosa, e questa soluzione è il saldo e stralcio immobiliare!

Saldo e stralcio immobiliare – Perché conviene?

Il saldo e stralcio immobiliare è una procedura che consiste nella proposta da parte del debitore ai creditori di una somma inferiore a quella di partenza, per la chiusura “a stralcio” del debito. A differenza quindi che con la vendita all’asta, il pagamento – anche se più basso del valore nominale del debito – è sufficiente come da accordo a estinguerlo per intero.

Se l’accordo di saldo e stralcio viene accettato, il debitore è libero da tutti i suoi impegni. La posizione debitoria viene quindi “stralciata” e questi non viene più iscritto nel registro dei cattivi pagatori. Il creditore – anche se può non sembrarlo – ha decisamente dei vantaggi nell’accettare un pagamento a stralcio. Infatti, in questo modo può entrare in possesso di una somma, sì inferiore a quella dovuta in origine, ma certa nell’importo e in tempi brevi.

Il Saldo e Stralcio è comunque un’opportunità vantaggiosa anche per gli aspiranti acquirenti di immobili, ad esempio a scopo di rivendita o per abitarlo.

L’acquirente non deve sostenere nessuna gara con altri compratori interessati all’affare, e non corre il rischio di dover sborsare una somma superiore al prezzo preventivato per l’immobile. Se non si passa per la gara, inoltre, non si deve sborsare una cauzione per poter partecipare, potendo così risparmiare risorse economiche.

Saldo e stralcio – Perchè rivolgersi ai consulenti immobiliari?

I consulenti immobiliari si propongono per aiutare il debitore a proporre un’offerta di saldo e stralcio che venga recepita come vantaggiosa dalle controparti.

Il saldo e stralcio non è un diritto che spetta al creditore, ma un accordo che le due parti possono decidere o meno di sottoscrivere, in base alla rispettiva convenienza.

Bisogna fare leva infatti su una certa esperienza per proporre un importo economico che venga reputato vantaggioso dai creditori, ma che non sia troppo elevato per risultare insostenibile per il debitore.

I consulenti si occupano di verificare che la proposta venga accettata da tutti quanti i creditori. Chi rimane fuori dall’accordo infatti ha ancora il diritto di avanzare le proprie pretese sulla base del titolo di credito precedente; questa situazione vanificherebbe i vantaggi dell’accordo di saldo e stralcio. I consulenti pensano anche a fare sottoscrivere ai creditori un documento di rinuncia agli atti, che attesta la loro intenzione di rinunciare a eventuali pretese basate sul debito di partenza.

Avvalersi di professionisti in fatto di saldo e stralcio immobiliare ovviamente permette di mettersi al sicuro dal rischio di commettere qualche errore nella compilazione della documentazione necessaria per portare l’accordo a compimento.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le operazioni immobiliari con le case in vendita all’asta

Come arredare un wine bar in modo originale

Leggi anche
Contents.media