Scaffali per ripostiglio fai da te: come tenere in ordine con gusto

Realizzare scaffali per ripostiglio fai da te è la soluzione ideale per arredare con razionalità, seguendo lo stile che più aggrada.

Avere un ripostiglio ordinato è il sogno di tutti. Affinché si possa trovare con più facilità ciò che si cerca. Il segreto potrebbe essere quello di realizzare scaffali fai da te su cui riporre oggetti e attrezzi dando allo spazio anche un senso concettuale, e non solo estetico.

Scaffali per ripostiglio fai da te: le dimensioni

Innanzitutto, bisogna tenere in considerazione le dimensioni dell’ambiente a disposizione. Se il ripostiglio è abbastanza ampio, il consiglio è quello di realizzare degli scaffali in lunghezza, suddividendoli attraverso interpareti. Così facendo è possibile disporre il materiale per settori, in modo più che razionale.

Se, invece, il ripostiglio è piccolo, è indicato optare per scaffali che si estendono in altezza, dal pavimento al soffitto, con mensole multistrato, anche di diversa ampiezza, in base al volume degli oggetti riposti.

I materiali

Se l’intenzione è quella di creare degli scaffali per ripostiglio con le proprie mani, i materiali che più si prestano all’impresa sono legno e ferro, robusti e multifunzionali.

Il legno

Quello riciclato dal pallet, in particolare, gode di maggiore flessibilità. Ecco perché è ideale per la progettazione di scaffali fai da te.

Scaffali per ripostiglio fai da te

Il massello, dal canto suo, è perfetto per ingombri pesanti e voluminosi, sia al naturale che dipinto con colori accesi. Si possono realizzare anche scaffalature angolari in legno.

Il ferro

Come struttura della scaffalatura è quanto di più solido possa esserci in circolazione. Per non appesantire troppo la struttura, si possono realizzare mensole in legno, e apposite cornici in materiale metallico, che fungano da supporto, da saldare all’impianto.

Scaffali per ripostiglio fai da te

Il montaggio

Se si desidera fissare la scaffalatura direttamente al soffitto, è necessario attaccare al tetto i travetti in legno che sorreggeranno l’intelaiatura portante. Al pavimento, invece, vanno affissi altrettanti travetti perpendicolari a quelli superiori, mediante silicone.

Serve, poi, applicarvi i montanti verticali, dotati di scalanature se in legno, al fine di incastrarvi, in un secondo momento, le mensole. Si fissano prima quelli laterali, poi quelli centrali con avvitatore elettrico o trapano.

Tocca, infine, alle mensole, da incastrare nell’intelaiatura principale. Si può tingere la struttura o lasciarla al naturale. E, per abbellire l’ambiente, si può disporre un pannello di compensato sullo sfondo, qualora il muro sia troppo spoglio.

Scritto da Veronica Celi
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come arredare un soggiorno piccolo: consigli per ottimizzare lo spazio

La casa di Modern Family: le location nel dettaglio

Leggi anche
Contentsads.com