Tutto sulla Villa Les Cèdres, residenza di Saint-Jean-Cap-Ferrat

Villa Les Cèdres: residenza di di Saint-Jean-Cap-Ferrat, una storia avvincente e tanto da offrire ai suoi visitatori.

Per presentare la Villa Les Cèdres, residenza che si trova a Saint-Jean-Cap-Ferrat nel sud della Francia, è sufficiente dire che è stata più volte definita come la villa più costosa del mondo e rappresenta la perfetta combinazione di storia, lusso e posizione privilegiata.

Villa Les Cèdres, residenza di Saint-Jean-Cap-Ferrat

La Villa Les Cèdres fu costruita nel 1830 e nel 1850 venne acquistata David-Désiré Pollonais, sindaco di Villefranche-sur-Mer, comune di cui Saint-Jean-Cap-Ferrat allora faceva parte. Nel 1904 la villa e i suoi quattordici ettari di giardini venne venduta dagli eredi di Pollonnais al re del Belgio Leopoldo II, il quale dapprima la comprò per accogliere la sua amante, Blanche Zélie Joséphine Delacroix, e che in seguito fece diventare la sua residenza.

Advertisements

Negli anni Leopoldo II ampliò i giardini che tutt’oggi circondano la villa.

In seguito, nel 1924, la villa venne acquistata dalla famiglia Marnier-Lapostolle, proprietaria del liquore Grand Marnier, che la conservò fino al 2016, anno in cui l’azienda divenne di proprietà del gruppo Campari. La villa è attualmente di proprietà del magnate ucraino Rinat Akhmetov, il quale l’ha acquistata per 200 milioni nel 2019.

La Villa Les Cèdres è grande ben 18mila metri quadrati ed è circondata da un terreno di circa 14 ettari che oggi è un lussureggiante giardino botanico, considerato uno dei più belli al mondo, con oltre 14mila specie di piante.

Nello spazio sontuoso della villa trovano posto 14 camere da letto, una piscina olimpionica, una sala da ballo, una cappella, stalle e degli ampi panorami che si affacciano sull’azzurro del Mediterraneo e da cui è possibile ammirare anche le Alpi. All’interno troviamo lussuosi salotti, grandi lampadari, porte francesi e ritratti ottocenteschi in cornici ornate, il tutto avvolto in un’atmosfera dalla bellezza decadente tipica della Belle Époque.

All’interno della dimora si trova anche una biblioteca rivestita in legno che contiene 3000 libri su flora e naturalismo.

Curiosità

  • Il sentiero che porta alla villa è fiancheggiato da palme e alberi di cedro (cèdres in francese) i quali danno appunto il nome alla residenza.
  • La biblioteca contiene anche una preziosa edizione del 1640 di un codice botanico.
  • Sin dai primi anni del XX secolo, Saint-Jean-Cap-Serrat, il luogo dove si trova Villa Les Cèdres è stata una popolare meta di vacanza dell’élite globale: tra i suoi notevoli visitatori figurano Edith Piaf, Charlie Chaplin, Elizabeth Taylor e Winston Churchill.

Non confondete villa Les Cèdres con un’altra meraviglia francese, villa Leopolda.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La villa di Willy, il principe di Bel-Air: la più amata degli anni ’90

Come illuminare il soggiorno in stile industriale: consigli utili

Leggi anche
Contents.media