Bonus casa nel 2022: ottime opportunità di risparmio

Tutti i bonus previsti nel 2022 grazie alla Legge bilancio sono delle novità, ma anche delle riconferme. Come il bonus facciata o il superbonus 110%

Nel 2022 sono previsti alcuni bonus per la casa, dalla ristrutturazione, ai superbonus ed ecobonus. E’ un’ottima opportunità per chi desidera apportare dei cambiamenti alla propria abitazione risparmiando. Lo stato infatti offre dei bonus per poter ristrutturare la casa o semplicemente la facciata, il giardino e addirittura i mobili interni.

Per poter partecipare ai bandi, però, ci sono alcuni requisiti da soddisfare, delle scadenze da rispettare, quindi, il consiglio è quello di cominciare ad informarsi subito.

Una delle più importanti agevolazioni è: il bonus ristrutturazioni, nato nel 2021 e previsto anche per il 2022. E’ destinato a chi ha affrontato dei lavori di manutenzione. Sia i privati che i condomini ricevono una detrazione del 50% sull’IRPEF delle spese sostenute, fino ad un massimo di 96000 euro a immobile. In alternativa si può optare per la cessione del credito o lo sconto in fattura. Non tutti i lavori di ristrutturazione, manutenzione, però, sono ammessi. E’ meglio, quindi, controllare prima di procedere nel “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”.

Una novità del bonus ristrutturazione 2022 è il Decreto Anti frode, che interessa anche il superbonus 110%.

625d6f68407fa94c2aeb8762fb84b581

Legge di bilancio 2022: novità e riconferme per i bonus casa

L’altro bonus molto importante è: il sismabonus, che prevede la detrazione dal 50% al 70% per interventi antisismici su edifici posizionati in luoghi altamente a rischio. Per i condomini si arriva anche al 75% e 85%. Per i comuni che hanno affrontato un terremoto e devono effettuare lavori antisismici il superbonus è stato prorogato addirittura fino al 2025.

L’altra agevolazione prevista dalla Legge di Bilancio 2022 è: l’Ecobonus, prorogato anche questo fino al 31 dicembre 2024. Possono farne uso, sempre nel rispetto dei requisiti, tutti coloro che fanno dei lavori di riqualificazione energetica. L’Ecobonus permette una detrazione dal 50% al 75% delle spese, in base ai lavori svolti e che non rientrano nel Superbonus 110%.

Una grande riconferma è: il Superbonus 110%, ma con diverse novità. Per esempio i proprietari di case singole, villette, non hanno più il vincolo del tetto ISEE e non importa più se è adibita o meno a casa principale. Inoltre non si deve nemmeno più presentare la CILA.

Il bonus giardini o bonus verde, per chi vuole creare delle recinzioni, dei pozzi, coperture a verde, giardini pensili o impianti idrici. La detrazione dall’IRPEF è del 36% in un massimo di 36000 euro. Ne può usufruire anche chi acquista piante e arbusti. 69e572714a95297ed2b72b832c882f34

Tutti i bonus per la casa previsti nel 2022: tante riconferme e nuove opportunità

Il bonus idrico c’è fino al 31 dicembre 2023. Utilizzabile da chi vuole acquistare e installare dei sistemi di filtraggio con un contributo di massimo 1000 euro, senza limiti di ISEE. Il bonus acqua potabile, con un credito del 50% per gli acquisti di sistemi di filtraggio, mineralizzazione o raffreddamento di anidride carbonica. E un rimborso fino a 500 euro per le spese di razionalizzazione dell’acqua potabile.

Non può mancare il bonus facciate, che permette di ristrutturare le facciate delle proprie abitazioni. Il bonus mobili per acquistare arredi ed elettrodomestici con un tetto di spesa massimo di 10000 euro fino al 2022. Poi scenderà a 5000 euro fino al 2024. Una novità: il bonus barriere architettoniche, con una detrazione del 75% delle spese per coloro che abbattono delle barriere architettoniche.

Nella spesa è contato anche il costo dello smaltimento di questi rifiuti. Per i più giovani ci sono ulteriori agevolazioni, come il bonus prima casa under 36. I giovani con meno di 36 anni e con un ISEE inferiore a 40 mila euro hanno esenzioni e sgravi fiscali per l’acquisto di una casa. Per chi è in affitto invece c’è: il bonus affitti giovani. Chi ha tra i 20 e 30 anni, non vive con i genitori e ha un ISEE non superiore a 15493,71 euro, ha un rimborso del 20% sul canone d’affitto fino ad un limite massimo di 2000 euro.542a268c6cf99051b634b49cdafac497

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come pianificare la disposizione di una stanza

Tendenze arredamento 2022: comfort, sostenibilità e design

Leggi anche
Contents.media