Il prato del giardino: è necessario tagliarlo o evitare?

Non ha nulla a che vedere con l'ordinato o il trasandato.

C’è un grande dibattito per quanto riguarda il prato del giardino: falciare o non falciare? Questa è una domanda che forse molti di noi stanno cominciando a porsi in questi giorni, specialmente in risposta agli effetti del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità.

Ma per rispondere a questa domanda dobbiamo prima esplorare la storia della falciatura e come si è evoluta nell’attività che tutti conosciamo.

L’evoluzione della falciatura

Non sorprende che prima dell’invenzione del tosaerba, il concetto e la manutenzione di un prato fossero appannaggio dell’élite. Nel XVIII secolo, i progettisti di giardini volevano creare un’illusione del paesaggio adiacente alle case di campagna senza alcun muro, barriera od ostacolo visivo a rovinare la vista bucolica. Tuttavia, in realtà, era necessario qualcosa per evitare che pecore, cervi o bestiame calpestassero troppo vicino alla casa. Così, questi tosaerba naturali furono trattenuti dall’invenzione dell’Ha-ha, una barriera verticale scavata intorno alla casa nel paesaggio, creando un’illusione visiva di continuità. Una vista ininterrotta del lontano parco era preservata, e il bestiame rimaneva contenuto a distanza di sicurezza.

Tuttavia, questo ha generato un nuovo enigma… come ottenere un’erba strettamente coltivata senza l’aiuto dei pascolatori naturali? La soluzione era la manodopera – ed era un lavoro duro. L’erba veniva tenuta ben tosata da operai specializzati che usavano le falci, e questo doveva essere fatto regolarmente. Di conseguenza, un prato ordinato divenne un simbolo di potere e ricchezza e questo desiderio di controllare e domare la natura è ancora oggi incorporato nella nostra psiche nazionale.

falciare prato del giardino

Una volta che il tosaerba meccanico è stato inventato nel 1930, questa aspirazione per un prato ordinato è diventata sempre più accessibile. Ancora oggi, un prato ben mantenuto è l’incarnazione di una convenzione culturale incorporata che certi “standard” dovrebbero essere mantenuti. Fare qualcos’altro con l’erba può potenzialmente aprire la porta a un giudizio severo o, almeno, a un sopracciglio perplesso da parte di vicini, amici e familiari.

Se il motivo per cui sentiamo di dover tagliare il prato è semplicemente per assicurarci di non far arrabbiare i vicini, allora forse è il momento di smettere. Dovresti prenderti cura del tuo giardino come se fosse un santuario da vivere.

Prato del giardino: una rivoluzione silenziosa e crescente

Naturalmente, ci sono molte ragioni per cui tagliamo l’erba. Alcuni giardinieri amano semplicemente tagliare il prato del giardino proprio come alcuni individui amano stirare. Tuttavia, per molti, sembra che l’enorme piacere ottenuto guardando un prato ordinato e pulito sia simile a quello di indossare una bella camicia appena lavata.

In effetti, l’effettivo atto fisico di falciare, camminando su e giù, è visto da alcuni come quasi meditativo, un momento per lasciare la mente vagare e rilassarsi. Recentemente c’è stata una rivoluzione silenziosa e crescente. Ultimamente, si sente solo il suono dei grilli, degli impollinatori, delle farfalle e del canto degli uccelli.

Perché? Beh, probabilmente è una reazione a un paio di eventi mondiali recenti. Il primo, come già detto, è una crescente consapevolezza della calamità del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità, lasciando alcuni proprietari di giardini a chiedere cosa possano fare. In secondo luogo, la recente pandemia ha visto molte più persone impegnarsi con l’aria aperta e la natura.

falciare il prato del giardino

Tre milioni di persone in più hanno scoperto la gioia del giardinaggio dall’inizio del 2020, e una parte significativa di loro sono giovani che desiderano aiutare la natura mentre si godono gli spazi esterni. E una delle cose più semplici e più facili che possiamo fare per rendere i nostri giardini uno spazio sempre più biodiverso e più naturale, è semplicemente smettere di falciare. I benefici possono davvero essere profondi per la fauna locale.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Illuminazione della camera da letto: come sceglierla

San Valentino a casa: i migliori regali per il partner

Leggi anche
Contents.media