Illuminazione led, i consigli per un acquisto vincente

Scopo principale di Lampadadiretta è quello di mettere a disposizione dei clienti privati, ma anche delle imprese, un vasto assortimento di soluzioni di illuminazione caratterizzate da alta qualità, sostenibilità ambientale e convenienza.

Quando si ha in mente di comprare un dispositivo di illuminazione led, Lampadadiretta è il miglior e-commerce a cui affidarsi. Parliamo, infatti, di una realtà di primo piano nel settore dell’illuminazione, con oltre 30 anni di esperienza e una posizione da leader anche sul mercato online. Scopo principale di Lampadadiretta è quello di mettere a disposizione dei clienti privati, ma anche delle imprese, un vasto assortimento di soluzioni di illuminazione caratterizzate da alta qualità, sostenibilità ambientale e convenienza.

La gestione termica degli apparecchi led

Il segreto per far durare a lungo gli impianti di illuminazione led è rappresentato da una loro gestione termica adeguata. È per questo motivo che occorre predisporre un apposito impianto di dissipazione e raffreddamento grazie a cui la tecnologia può resistere alle temperature più alte. È fondamentale ottimizzare le tecnologie led, il che vuol dire assicurare la loro efficacia dal punto di vista del risparmio energetico e del funzionamento: ecco perché è importante anche la progettazione dell’elettronica di contorno. Le componenti elettroniche devono avere caratteristiche appropriate, dal punto di vista delle funzionalità e delle dimensioni, in base alla progettazione del led, così che possa essere garantita una gestione ottimale del flusso di aria. i vantaggi che ne scaturiscono sono molteplici, non solo a livello di stabilità, ma anche per ciò che concerne la resa di illuminazione. Altri benefici hanno a che fare con il risparmio effettivo di energia, che si traduce in un risparmio economico, e nella vita utile.

La qualità dell’illuminazione led

Gli apparecchi led hanno un costo mediamente più elevato di quello che caratterizza le fonti di illuminazione classiche in quanto contengono al proprio interno il fosforo. Tuttavia, i produttori che mirano al risparmio si servono di un tipo di fosforo di qualità inferiore: il che permette, ovviamente, di abbattere i costi di produzione, ma comporta anche un livello inferiore di efficienza. Il consiglio per gli utenti è quello di badare al livello di uniformità del colore bianco, poiché questo è un dettaglio grazie a cui è più semplice identificare prodotti di qualità più bassa. L’omogeneità del colore della luce non è una caratteristica tipica dei prodotti a led meno efficienti. Un ulteriore aspetto da non sottovalutare è quello relativo alla resa dei colori: infatti, solo un tipo di fosforo di alta qualità permette di ottenere un indice di resa cromatica eccellente. In pratica, maggiore è l’indice di resa cromatica e più è probabile che il prodotto che si sta per comprare sia affidabile.

I chip led

In tutto il mondo esistono numerosi produttori – di piccole o grandi dimensioni – di chip led. Un aspetto fondamentale per la produzione di questi chip riguarda i materiali che vengono impiegati, in quanto essi condizionano le performance effettive dei prodotti. È utile sapere che i chip di dimensioni più grandi producono un livello di luminosità superiore, e inoltre sono più stabili rispetto alle variazioni della corrente elettrica; ovviamente, hanno un costo maggiore. D’altro canto, i chip led di dimensioni inferiori costano meno e garantiscono una quantità di illuminazione più bassa; però, non assicurano la durata necessaria e si caratterizzano per una luce poco uniforme.

Il lumen

L’ambito in cui il led dovrà essere collocato, la resa cromatica e il colore della luce sono tutti fattori a cui si deve prestare attenzione in previsione dell’acquisto di un dispositivo di illuminazione basato su questa tecnologia. C’è, però, anche un altro dettaglio su cui ci si deve concentrare, e riguarda il lumen. Non bisogna confondere i lumen con i watt, in quanto queste due unità di misura non si equivalgono.

A quanti watt corrispondono i lumen?

Una lampadina led da 2 o 4 watt oscilla tra i 200 e i 300 lumen, proprio come una lampadina a basso consumo da 5 o 6 watt, una lampadina alogena tra 18 e 25 watt e una lampadina incandescente tra 25 e 30 watt. Una lampadina led da 8 o 10 watt, invece, va da un minimo di 700 a un massimo di 1000 lumen, più o meno come una lampadina a basso consumo da 15 watt, una lampadina alogena da 100 watt o una lampadina incandescente da 75 watt. Insomma, con il led il costo energetico è molto più basso e si ottiene un’illuminazione migliore.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Piante per bordure: splendide soluzioni per il giardino di casa

Tendenze cucina 2022: una casa più funzionale

Leggi anche
Contents.media