Invecchiare un mobile fai da te: dare nuova vita agli arredi

Come invecchiare un mobile fai da te e dare nuova vita ai complementi d'arredo.

Quante volte pensiamo di cambiare gli arredi di casa o vorremmo semplicemente donare loro un aspetto diverso? Per fortuna alcune idee sono semplici da realizzare e gli amanti del fai da te potranno sicuramente ottenere ottimi risultati. Vediamo qualche suggerimento per invecchiare un mobile fai da te con pochi attrezzi e con un budget limitato.

Advertisements

Invecchiare un mobile fai da te: tutti i consigli

Dare nuova vita ad un complemento d’arredo non è nulla di complicato o impossibile. È sufficiente infatti prestare attenzione ad alcuni pratici suggerimenti e avere un po’ di buon gusto e fantasia.

Di seguito tutti i procedimenti.

Gli attrezzi indispensabili

Chi ama il bricolage e il fai da te, solitamente, ha già in casa la gran parte degli strumenti che serviranno per lavorare il legno. Non devono mancare:

  • carta vetrata per levigare;
  • martello e chiodi per sistemare e regolare le maniglie;
  • cerniere e cassetti;
  • l’olio per una perfetta finitura.

Nei migliori negozi di ferramenta possiamo trovare tutto il necessario, compresa ovviamente la vernice per il legno della colorazione più adatta al nostro mobile.

Le fasi di preparazione

Per prima cosa occorre rimuovere le cerniere, le serrature ed eventuali fregi per poter facilmente riportare il legno al suo aspetto naturale. In questa fase occorre una buona manualità e un po’ di pazienza per togliere la vernice o la cera. E’ importante anche stuccare crepe e fori e levigare con cura il legno per eliminare le irregolarità presenti sulla superficie. Qualche segno di usura o piccola venatura del legno può però essere mantenuta per creare l’effetto vintage in fase di verniciatura.

Colorazione e finitura

Grazie ai coloranti naturali e ai coloranti sintetici, trovabili facilmente sul mercato, si può regalare nuova vita a un mobile. Per la colorazione sarà sufficiente l’utilizzo di un pennello, oppure di un tampone. I classici colori noce scuro o ciliegio sono perfetti per ricreare l’effetto antico e far risplendere una vecchia cassapanca dimenticata in soffitta.

Per l’operazione di finitura sono indispensabili la cera, la gommalacca e l’olio, che consentono di proteggere il legno e mantenerlo nel tempo.

Come ottenere l’effetto del legno invecchiato

La tecnica che prende il nome di decapaggio è usata sin dall’antichità, ma è ancora oggi molto attuale. Si utilizza per donare al legno un aspetto vintage, invecchiandolo senza dovere aspettare il passare degli anni.

Il processo di invecchiamento del legno è semplice. Si inizia carteggiando in modo leggero la superficie usando una spazzola in rame, per ottenere un aspetto più antico. Si può poi passare alla posa di uno strato di vernice acrilica. Dopo aver atteso il tempo necessario alla vernice per asciugarsi, si può passare su tutta la superficie la cera di una candela.

L’arredamento in stile shabby chic

L’arredamento shabby chic si caratterizza in parte per l’utilizzo di mobili decapati. Shabby letteralmente significa “vissuto” e nasce in Inghilterra negli anni ’80, pensando proprio ad uno stile che rappresenti qualcosa del nostro passato, del calore e del ricordo di mobili antichi, come il cassettone della nonna o la sedia a dondolo.

Con l’utilizzo di vecchi oggetti recuperati in soffitta, qualche vecchio accessorio o elementi in ferro battuto, si può dare nuova luce a un mobile, ispirandosi agli arredi di un tempo. Gli abbinamenti sono infiniti e con un po’ di fantasia e voglia di fare, gli ambienti di casa possono essere subito rinnovati.

Scritto da Barbara Anselmi
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Camerette salvaspazio con 2 letti: soluzioni pratiche e di design

Casa ideale per single: come arredarla al meglio

Leggi anche
Contents.media