Piani da lavoro per la cucina: che materiale scegliere?

Caratteristiche dei materiali più adatti ai piani da lavoro per la cucina.

Trovare i migliori piani da lavoro per la tua cucina è un passaggio che dovresti affrontare nelle prime fasi del processo. Potresti già aver scelto i colori delle pareti, progettato gli armadi e avere un’idea dell’aspetto che desideri dal futuro piano da lavoro, ma la scelta del materiale e della tipologia dipende anche e soprattutto dalle vostre abitudini.

Piani da lavoro per la cucina: da dove cominciare

I piani di lavoro della cucina saranno utilizzati per preparare, servire e, potenzialmente, cenare e dovranno resistere a una pulizia regolare e intensiva. Prima di scegliere il piano da lavoro perfetto per le vostre esigenze, è necessario porsi qualche domanda. Quanto utilizzerai la cucina? Come intervieni sulle macchie? Pensi di sporcare molto? Ti serve un materiale adatto ai bambini? Hai un budget limitato? Il modo in cui rispondi a queste domande influirà sulla scelta del materiale più adatto alle tue abitudini, oltre a considerare l’importanza dell’aspetto estetico.

Ci sono infatti materiali che necessitano maggior manutenzione, materiali più adatti ai bambini, materiali che non hanno bisogno di una particolare pulizia e materiali molto costosi.

quale scegliere

Scegliere il materiale

Il fattore principale da considerare quando si guarda il miglior piano da lavoro per la cucina è il materiale. Le opzioni più comuni sono pietra, legno, composito artificiale e laminato, ognuna con le sue proprietà uniche.

La pietra naturale e il legno, con i loro vari colori e segni, sono sbalorditivi in una cucina tradizionale, ma si possono graffiare e macchiare, richiedendo sigillatura e manutenzione regolare. Un’alternativa semplice è un materiale composito artificiale, come il quarzo o il corian, che mescola minerali naturali con resina per creare superfici altamente resistenti, non porose e facili da pulire. Tuttavia, questi possono essere costosi e richiedono un montaggio specialistico. Se hai un budget limitato, il laminato è la scelta migliore. Composto da un rivestimento in plastica e uno strato di design incollato a un pannello artificiale, possono imitare centinaia di finiture. In alternativa, lo zinco, l’acciaio inossidabile e il cemento stanno diventando sempre più popolari per ottenere una cucina dal look industriale di tendenza.

Piani da lavoro in granito

Il granito è uno dei materiali più popolari. Elegante e bello, è associato a schemi di design di cucine di lusso. Il granito, una volta installato, non richiede più manutenzione ed è così robusto che è improbabile che si scheggi o si graffi. Estremamente resistente al calore, il granito può facilmente sopportare tutte le pentole calde che vengono posizionate sopra di esso. Fortemente antibatterico, è inoltre facile da pulire, basta una passata con un panno morbido in microfibra, acqua tiepida e un sapone neutro o uno spray speciale per granito. Si consiglia di evitare detergenti e spugne aggressivi o abrasivi. L’aspetto negativo? Sicuramente il costo del materiale.

piano granito

Piani da lavoro in quarzo

Il quarzo rispecchia la complessità, l’emozione e le sfumature della pietra naturale, offrendo una qualità e una durata superiori. Il quarzo è un’alternativa artificiale a materiali come il granito e il marmo e vengono utilizzate tecniche industriali per fortificare il quarzo naturale con la resina, in modo da creare un piano da lavoro davvero resistente e personalizzabile.

Una delle caratteristiche più attraenti di un piano da lavoro per cucina in quarzo è la combinazione di un aspetto tipico di una pietra naturale con le proprietà di bassa manutenzione che di solito ci si aspetta dai materiali sintetici. Il quarzo è in realtà ancora più resistente del granito e richiede solo sigillature occasionali. Tuttavia, a differenza del granito, non è molto resistente al calore, quindi non sarà adatto a tenere padelle o vassoi caldi. Come per il granito, le superfici in quarzo sono abbastanza facili da pulire e mantenere; per la pulizia quotidiana ti servirà infatti solo un panno immerso in acqua calda e sapone.

Il più grande svantaggio di un piano di lavoro da cucina in quarzo è il costo.

piano quarzo

Piani da lavoro in legno duro

Che tu stia cercando una cucina in stile moderno o tradizionale, il legno duro è un ottimo materiale per il piano da lavoro della cucina, a patto che tu sia disposto a dedicare molto tempo alla sua manutenzione. Per ottenere un aspetto tradizionale, acero, quercia e faggio funzionano bene. Per un tocco leggermente più esotico invece, il wenge, il bambù o l’iroko sono buone opzioni.

In termini di prezzo, i piani di lavoro in legno sono abbastanza economici, a seconda del tipo di legno scelto. Se il materiale viene adeguatamente sigillato e mantenuto, può durare per anni, ma il legno cambierà leggermente nel tempo, sbiadendosi alla luce del sole o diventando più profondo e ricco. Tuttavia, potresti vederlo come un vantaggio poiché il piano di lavoro acquisirà personalità e carattere. Inoltre, quando si tratta di graffi e macchie, possono essere levigati, il che non è un’opzione con altre superfici del piano di lavoro.

Per quanto riguarda la manutenzione, è importante asciugare subito eventuali schizzi e non lasciare che la superficie rimanga a contatto con l’acqua per troppo tempo. Per la pulizia è sufficiente utilizzare acqua calda, detersivo per piatti e un panno morbido, evitando di utilizzare prodotti per la pulizia abrasivi e chimici e spugnette abrasive o metalliche.

I contro? Lo svantaggio principale del legno, rispetto alle opzioni in pietra o composito, è che richiede una lubrificazione biennale per tenere lontani macchie e danni. E, naturalmente, non puoi usare il piano di lavoro come tagliere o per posizionare pentole calde direttamente sul legno, poiché si può facilmente bruciare.

piano legno

Piani da lavoro in laminato

Il laminato è un prodotto economico e versatile, diventando l’opzione più popolare sul mercato. Realizzato incollando un foglio rigido (che potrebbe avere l’aspetto di legno, pietra o materiali artificiali) su un’anima di truciolare di legno, i piani da lavoro in laminato sono innanzitutto molto economici, quindi se stai realizzando una cucina con un budget limitato sono una buona opzione. Piuttosto resistenti alle macchie, sono disponibili in una vasta gamma di finiture e colori. Possono essere puliti con la maggior parte dei prodotti per la pulizia, ma bisogna prestare attenzione ai coltelli, perché una volta che la superficie è stata graffiata, non c’è un modo semplice per sistemarla.

Gli aspetti negativi? Si danneggiano facilmente, quindi assicurati di fare acquisti con attenzione.

piano laminato

Piani da lavoro in vetro

Arredare con il vetro è una delle ultime tendenze. Il vetro infatti è stato introdotto solo di recente nel mercato delle superfici di lavoro. Elegante e versatile, funziona perfettamente in una cucina moderna. Molto resistenti, i piani da lavoro in vetro non sono porosi, quindi non si macchiano, e sono disponibili in una varietà infinita di colori e finiture. Il vetro riciclato è anche un’opzione che imita l’aspetto e la sensazione al tatto del quarzo, grazie ai riflessi e alle rifrazioni dei frammenti di vetro colorati.

Il vetro resiste all’umidità e agli schizzi e può essere facilmente pulito, rendendolo un materiale bello e pratico, soprattutto per la sua resistenza al calore. I vostri piani da lavoro in vetro però dovranno essere puliti regolarmente per evitare eventuali segni di acqua (e per eliminare le impronte digitali), ma sono incredibilmente igienici in quanto non ci sono giunture o texture che permettano l’accumulo della sporcizia.

piano vetro

Piani da lavoro in marmo

Il marmo colpisce visivamente a causa delle striature naturali nella pietra. È uno dei materiali più popolari nelle cucine di lusso, sia tradizionali che contemporanee. Questo materiale è anche sempre fresco al tatto, un tratto funzionale prezioso in una cucina calda e fumosa.

Piuttosto densi e resistenti, i piani di lavoro in marmo sono un’opzione piuttosto costosa, ma sono molto durevoli nel tempo. Il problema principale è la sua manutenzione. Vulnerabile a macchie e graffi, potrebbe non essere la scelta migliore in una cucina familiare che viene utilizzata molto spesso. Inoltre reagisce agli acidi, quindi un liquido da cucina acido come il succo di limone o l’aceto inciderà il marmo, lasciando un segno opaco e biancastro, che rimarrà anche dopo la sigillatura.

Per pulire il top in marmo, bisogna utilizzare un sapone delicato, non abrasivo e a pH neutro, mescolato con acqua e passato sulla superficie con un panno morbido.

piano marmo

Piani da lavoro in materiale composito a superficie solida

I piani da lavoro in corian e superficie solida sono lucidi e senza cuciture, perfetti per un design contemporaneo. Realizzate con una miscela di resine acriliche, minerali e colori, le superfici solide e il corian possono anche essere totalmente senza giunzioni, con percorsi in un unico pezzo e lavelli stampati.

Sono resistenti al calore e ai graffi, ma non possono competere con la pietra solida o il quarzo. Non sono porosi, il che li rende igienici e resistenti allo sporco e ai batteri, ma tieni presente che sebbene l’esterno in resina sia impermeabile, se l’acqua penetra nel materiale del supporto, può causare danni irreparabili. Necessitano infine di una manutenzione piuttosto bassa in termini di pulizia e non richiedono alcun trattamento iniziale; basta pulire la superficie con un panno morbido e un detergente delicato.

piano corian

Piani da lavoro in acciaio inossidabile

L’acciaio inossidabile è perfetto per cucine in stile industriale e sta diventando un materiale sempre più popolare. Potresti pensare che sia eccessivo se applicato ad ogni superficie, ma perché non usarlo per sfruttare i suoi vantaggi su un’isola o in un piccolo spazio di lavoro?

L’acciaio inossidabile è forte, impermeabile, resistente al calore e agli acidi. È soggetto a graffi, ma gli conferirà un aspetto consumato. Inoltre l’invecchiamento non influirà sulle sue qualità antibatteriche. Se preferisci che i graffi non siano così evidenti, scegli una finitura leggermente opaca. È molto facile da pulire con un detergente per acciaio inossidabile.

piano acciaio

Piani da lavoro in ceramica

Un’ottima alternativa al vero marmo, i piani da lavoro in ceramica sono un’aggiunta lussuosa a una cucina, abbinabili a qualsiasi altro materiale, dal legno al metallo. I piani da lavoro in ceramica sono popolari in quanto versatili e molto igienici. È una superficie estremamente durevole, resistente ad acqua, muffe e batteri.

Assicurati di pulire immediatamente eventuali fuoriuscite per evitare macchie. Si consiglia di utilizzare un panno umido e acqua calda per la pulizia e, se necessario, utilizzare un detergente leggermente acido. Evita tutto ciò che contiene candeggina.

piano ceramica

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mobili arrotondati: idee e modelli migliori

Travi nere pro e contro: cosa c’è da sapere

Leggi anche
Contents.media