Piani di lavoro per cucina: tutti i pro e contro di questa soluzione

Esistono innumerevoli soluzioni di piani di lavoro per cucina. Scopriamo insieme quali.

I piani di lavoro per cucina possono trasformare l’ambiente, ma ci sono davvero tante opzioni disponibili. Bisogna scegliere il materiale perfetto, la tonalità e la consistenza per completare il tuo design e soddisfare il tuo stile di vita.

Anche le tendenze vanno e vengono: ricordate solo pochi anni fa quando l’acciaio inossidabile o il vetro erano sulla lista dei desideri di tutti? Soprattutto, vale la pena ricordare che i piani di lavoro della cucina sono i più toccati di tutti gli elementi.

Userai un piano di lavoro quotidianamente, lo pulirai regolarmente e lo toccherai più di quanto immagini.

Non sottovalutare l’importanza di scegliere la giusta consistenza e tonalità per il piano di lavoro, come sostiene Wayne Dance, amministratore delegato di InHouse Inspired Room Design. Se abbiamo imparato una cosa sulle nostre case quest’anno, è quasi certamente che dovrebbero creare un rifugio calmo e confortevole dal mondo, con la cucina al centro.

Piani di lavoro per cucina: laminato

Il laminato è disponibile in un’incredibile gamma di colori, texture, modelli e spessori. È considerato la scelta più economica e a basso costo, a partire da meno di 40 euro per una lunghezza di 2,4 metri in bianco opaco da B&Q.

Infatti, Kam Bharadwa, direttore delle vendite e operazioni di Kutchenhaus, dice: “Se si ottiene lo stile e il design giusto, la vostra cucina sarà incredibile. Il laminato è un’alternativa più economica alla pietra, ma comunque di grande effetto. Ci sono così tante opzioni di design tra cui scegliere che c’è solo l’imbarazzo della scelta”.

Enormemente versatile, il laminato può assomigliare a legno, pietra, granito, quarzo o piastrelle, alla metà del costo. Gli ultimi piani di lavoro compatti in laminato sono super-versatili; sono sottili, eleganti e all’avanguardia e sono sottili fino a 12,5 mm. Offrono una grande flessibilità di design e possono essere posti su due lati per ricreare le caratteristiche dell’alzatina.

In alternativa, per massimizzare l’impatto di un piano di lavoro per cucina in laminato, scegliete lo spessore più profondo possibile, di solito fino a 40 mm. Questo trucco imita il fascino del legno massiccio o della pietra.

Più adatto per: cucine laboriose e vita familiare.

Procedere con cautela: il laminato più economico si graffia e si segna facilmente. Evitare di mettere pentole calde direttamente sulla superficie o l’esposizione prolungata all’umidità, in quanto ciò causerà la spellatura degli strati.

Piani di lavoro per cucina: legno

Se siete alla ricerca di una texture naturale e vi piace investire in classici senza tempo, il legno massiccio realizzerà il vostro sogno. Questi piani sono popolari perché danno una vera sensazione familiare alla cucina, qualcosa che gli stili più moderni e il design possono non dare.

Optate per un legno duro come il noce, l’iroko o la quercia, piuttosto che un legno dolce come il pino, perché sono più durevoli e non si deformano o piegano. Il legno massiccio può essere sorprendentemente conveniente; Worktop Express ha piani di lavoro in rovere a partire da 135 sterline per una lunghezza di 2 metri (22 mm di spessore). Il legno massiccio è anche facile da montare, quindi non dovrebbe essere difficile trovare un artigiano. Se sei un fai da te competente, potresti anche essere in grado di montarlo da solo.

È anche possibile trovare piani di lavoro in legno massiccio recuperato, in modo da optare per una soluzione ecologica nella cucina.

Più adatto per: cucine rustiche. Inoltre, se vi piace cambiare regolarmente il look, potete usare diversi oli per modificare la tonalità.

Procedere con cautela: i piani di lavoro in legno hanno una manutenzione piuttosto alta. Hanno bisogno di essere oliati regolarmente, circa ogni sei mesi, per mantenerli resistenti all’acqua e igienici. Verificate con il fornitore quale olio usare.

Vernice per il piano di lavoro

La maggior parte delle persone non pensa di dipingere i piani di lavoro della cucina, anche se si può fare. Tuttavia le vernici normali, come l’emulsione opaca o a guscio d’uovo, non funzionano in questo caso: non si legano con i piani di lavoro e non sono abbastanza resistenti.

Se scegliete di dipingere i piani di lavoro, usate una vernice multiuso progettata per melamina, MDF o legno. In alternativa, un prodotto specializzato etichettato come ‘vernice per piani di lavoro’ . La formula è creata in modo da appiattirsi e livellarsi su superfici piane come i piani di lavoro; una volta asciugata e indurita si può spruzzare e strofinare, senza problemi.

Ideale per: cambiare i colori senza sforare col budget.

Procedere con cautela: potreste avere difficoltà a coprire con successo il laminato o l’MDF. Non adatto a una cucina che riceve molta usura.

Piani di lavoro per cucina: marmo

Il marmo è stato usato nelle cucine per generazioni; è fresco e facile da tenere pulito. Negli ultimi anni, è passato dai taglieri alle superfici di lavoro. Si tratta principalmente di marmi di Carrara come lo Statuario, il Calacatta, l’Arabescato e lo stesso Carrara. Ciò non significa che non ci siano altri buoni marmi: è disponibile un’ampia varietà di colori e modelli.

Alcuni marmi sono più duri di altri. Tuttavia, quando si tratta di durata, tutti i marmi svilupperanno una patina da piccoli graffi e possibili macchie. Ad ogni modo, il marmo viene sigillato prima dell’uso, ma qualsiasi macchia che appare può essere rimossa con un cataplasma e può essere rilucidato in loco se necessario. Il marmo costa a partire da circa 300 euro al mq, ma si possono trovare anche piastrelle in porcellana meno costose e dall’aspetto marmoreo.

Ideale per: una cucina classica o un appartamento urbano glamour dove le superfici di lavoro sono rispettate con cura.

Procedere con cautela: in una cucina familiare, i danni possono essere costosi da riparare.

Piani di lavoro per cucina marmo

Piani di lavoro per cucina: quarzo

Tom Howley, direttore del design della Tom Howley kitchen design company, dice che il quarzo sta prendendo il sopravvento sul granito come scelta principale per i piani di lavoro. Il quarzo è sia esteticamente che funzionalmente superiore. Non è poroso, ha un colore uniforme ed è molto durevole. È facile da pulire, il che lo rende meno suscettibile alle macchie ed è disponibile in una gamma di bei colori.

Il quarzo è comunque un grande investimento finanziario. Può infatti costare da 400 a 650 euro al mq. È facile confondere il quarzo con la pietra sinterizzata. Entrambi i materiali sono noti per la loro durata; basti ricordare che il quarzo è un prodotto ingegnerizzato e la pietra sinterizzata è fatta da minerali naturali che subiscono un processo di compressione.

Più adatto per: qualsiasi ambiente, il quarzo è a prova di bomba.

Procedere con cautela: è costoso, e gli errori costano. Quindi scegliete un’azienda affidabile per la fornitura e il montaggio.

Piani di lavoro: granito

Il granito è una pietra naturale, dura e resistente. I suoi modelli unici sono ciò che rende ogni piano di lavoro diverso. Non ci sono mai due pezzi uguali.

I piani di lavoro in granito vengono solitamente sigillati al momento dell’installazione. Si raccomanda di farli risigillare ogni anno, perché si tratta di un materiale poroso. Al giorno d’oggi, il granito non deve essere necessariamente nero o lucido. Può essere molto lucido, ma ora è anche disponibile in finiture opache contemporanee e in una vasta gamma di sfumature. È anche molto facile da mantenere pulito con acqua calda e un detergente delicato.

Più adatto per: cuochi appassionati. Il granito ha un’altissima resistenza al calore essendo una pietra naturale, ma si dovrebbe anche usare una qualche forma di protezione. È anche molto resistente ai graffi.

Procedere con cautela: evitare il contatto diretto con cibi a base di agrumi o acidi e con liquidi che possono essere a base di solventi, poiché questi possono causare segni.

Piani di lavoro: coperture

Per un’opzione economica, i piani di lavoro della cucina esistenti possono essere coperti con rivestimenti in vinile, che potete realizzare autonomamente. In alternativa, trovate un’azienda professionale che avvolga il vostro piano di lavoro con una superficie solida acrilica. Entrambe le opzioni evitano lo sconvolgimento e la spesa di una sostituzione completa della cucina, e fanno miracoli anche sulla tua impronta di carbonio. I vostri vecchi piani di lavoro non finiranno in discarica.

Colori solidi, effetti di pietra naturale e modelli di tendenza sono tutti disponibili, in modo da poter cambiare facilmente il vostro look. Davanzali e alzatine possono essere inclusi per completare la trasformazione, e i prezzi partono da 135 euro per mq. Sono necessarie due visite a domicilio, per prendere le misure e montarle, e il processo richiede circa quindici giorni in totale.

Più adatto per: persone occupate che non vogliono l’interruzione della rimozione e del montaggio di piani di lavoro sostitutivi.

Procedere con cautela: i colori e le texture del rivestimento possono essere limitati, e se stai cercando un look nuovo di zecca per la tua cucina, dovrai aggiornare anche i frontali dei cassetti e gli elettrodomestici. Questi rivestimenti non saranno così resistenti come i nuovi piani di lavoro.

Piani di lavoro per cucina materiali

Piani di lavoro in cemento

Le superfici in cemento sono fondamentali per il look industriale e le cucine non fanno eccezione. I tocchi di cemento in casa stanno diventando sempre più popolari, e i piani di lavoro in particolare sono un’interpretazione molto contemporanea di un colore neutro.

Il calcestruzzo è resistente, durevole e si deteriora gradualmente con l’età. Mescolando i piani di lavoro in cemento con quelli in legno si crea un look su misura. Ci sono due modi per sigillare i piani di lavoro in cemento per una maggiore durata e per preservare la superficie. Il sigillante poliuretanico dà un alto livello di protezione in una finitura opaca standard. Il sigillante impregnante, con l’applicazione aggiuntiva di una cera, crea una patina lucida sulla superficie nel tempo.

Cercate un fornitore specializzato, ma aspettatevi di pagare 350-400 euro.

Più adatto per: interni industriali; il calcestruzzo adattabile può essere versato per adattarsi. È disponibile in spessori da 40 a 100 mm, quindi ottimo per fare una passata massiccia.

Procedere con cautela: il calcestruzzo è pesante. Controllate che le ante da cucina siano abbastanza forti da sopportare il peso. Potrebbero richiedere un imballaggio extra sotto.

Piani di lavoro per cucina in superficie solida

Ci sono un certo numero di piani di lavoro in superficie solida. Questi sono tipicamente fatti da una miscela di minerali naturali e polimeri acrilici termostatici. Si tratta di un’ottima opzione per eliminare il rischio di proliferazione di batteri in fessure o crepe. Le superfici solide sono facili da pulire e mantenere, garantendo uno spazio di cottura igienico.

Più adatto per: progetti di cucine ambiziose, perché può essere modellato per adattarsi a zone scomode, come i lavandini.

Procedere con cautela: il calore diretto e gli oggetti appuntiti possono causare danni.

Piani di lavoro della cucina in terracotta

Fatto da schegge di marmo, granito, quarzo, vetro, conchiglia o altri materiali adatti legati insieme in una miscela di cemento o epossidica, la terracotta è uno dei materiali di superficie più antichi. Divenne popolare nella Venezia rinascimentale, quando gli scalpellini raccoglievano i pezzi di marmo e li trasformavano in utili materiali da costruzione per superfici e pavimenti.

I piani di lavoro in terracotta sono l’antitesi delle lastre di cemento minimali e degli effetti del legno naturale. I modelli colorati ravvivano qualsiasi stanza, per portare un tocco di giocosità e vivacità in cucina. Aspettatevi di pagare da circa 40 euro mq per 59,95 euro per mq.

Più adatto per: schemi di ispirazione vintage o per creare interesse visivo in cucine eleganti e ultramoderne.

Procedere con cautela: in una cucina più piccola, poiché la terracotta potrebbe risultare piuttosto opprimente.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Illuminazione: in che modo influisce sull’umore

Tonalità per la cucina: le 10 migliori opzioni

Leggi anche
Contents.media