Tavoli da giardino: modelli e materiali tra cui scegliere

Guida alla scelta dei tavoli da giardino per l'arredo da esterno: i consigli, i materiali e le forme più adatte.

Nella scelta dei tavoli da giardino, la prima cosa da valutare è lo spazio esterno a disposizione e l’utilizzo che se ne vuole fare. Se ami organizzare pranzi e cene in compagnia e disponi di molto spazio, orientati verso un modello robusto e di grandi dimensioni, come un tavolo allungabile con allunghe a scorrimento, a ribalta, oppure a rotazione, in grado di ospitare amici e parenti.

Se disponi invece di uno spazio più ridotto, la scelta più indicata è quella di un tavolo richiudibile che ti consenta di coniugare comodità e funzionalità. Un’altra opzione è quella di acquistare un tavolo da tirare fuori all’occorrenza: esistono tavoli da giardino in grado di chiudersi come una valigia o ancora modelli completamente smontabili che puoi aprire al momento opportuno e riporre quando non ti serve più.

Tavoli da giardino: materiali pensati per durare

Molti sono gli elementi da tenere in considerazione prima dell’acquisto di un tavolo da giardino: il clima dell’ambiente in cui si vive, il proprio gusto personale, la manutenzione che richiede, il materiale con cui è fatto. Per quanto riguarda la scelta dei materiali, l’assortimento in commercio è davvero ampio: ogni materiale ha delle proprietà uniche che possono rivelarsi perfette nella scelta dell’arredo outdoor.

Tavoli in legno

I tavoli da giardino in legno sono un classico per l’arredamento da esterno. Elemento versatile da coniugare a materiali e colori tra i più diversi, si adatta perfettamente agli spazi verdi creando atmosfere suggestive. Attenzione però: non tutti i legni sono uguali. Legni teneri come il cedro, il pino o l’abete sono poco costosi e ampiamente utilizzati nell’arredamento per interni. Non sono però adatti all’ambiente esterno in quanto necessitano di manutenzione e protezione costante. Molto più resistenti sono invece i legni duri come l’acero, l’olmo o il rovere. Questi, se trattati correttamente, hanno una vita longeva e sono di conseguenza più costosi.

Il teak

Una tipologia di legno duro perfetto per la creazione di tavoli da giardino è il teak. Questo legno rappresenta il materiale più diffuso per i mobili da esterno, essendo un legno molto forte in grado di non deformarsi né spezzarsi. È piuttosto idrorepellente, quindi non soggetto a espansione o contrazione durante il processo di essiccazione. L’alto contenuto di olio naturale lo rende poi un legno resistente contro i danni causati da muffe, funghi o agenti atmosferici.

Tavoli da esterno in legno

Tavoli in metallo

Il metallo rappresenta il materiale più durevole per i tavoli da esterno. Sono una soluzione moderna e ideale per chi cerca qualcosa che sia leggero, pratico e comodo da spostare. I telai metallici possono essere inoltre modellati per offrire tante variazioni di stile, dal classico al moderno. Facile per pulizia e manutenzione, il metallo presenta però degli svantaggi: si scalda se esposto ai raggi solari, risultando così scomodo da utilizzare. Ideale sarebbe posizionarlo sotto grandi ombrelloni da esterno, per creare una zona d’ombra in cui rilassarsi. Rappresenta in ogni caso una valida alternativa al legno teak per l’aspetto e il design, soprattutto se completato da un piano in vetro.

Tavoli in ferro battuto

I tavoli in ferro battuto sono raffinati e gradevoli da vedere, donando all’ambiente esterno un fascino senza tempo dal gusto romantico. Una delle principali caratteristiche del ferro è la sua malleabilità. Questo permette eleganti lavorazioni sulla struttura (dalle gambe del tavolo agli schienali delle sedie) oltre all’utilizzo di ceramiche e maioliche per i piani. Stabili, poco ingombranti ma, a seconda dei modelli, non semplici da muovere, non richiedono una particolare manutenzione. La struttura può infatti essere pulita con grande facilità, passando un panno umido e del detergente delicato. A seconda delle dimensioni, della forma e della tipologia di lavorazione, i prezzi di un tavolo in ferro battuto possono variare notevolmente. Si parte da prezzi più accessibili per i tavoli lavorati industrialmente fino ad arrivare a cifre consistenti per strutture artigianali.

Tavoli da esterno in ferro battuto

Tavoli in resina o plastica

Questi materiali rappresentano oggi la scelta sempre più diffusa per l’arredamento da esterno, perché leggeri, economici e adatti a qualsiasi stile. I tavoli da giardino in resina o plastica risultano molto resistenti agli eventi climatici, senza sbiadire o perdere di qualità nel tempo. Sia la resina sia la plastica richiedono poca manutenzione: basterà pulire la superficie con una spugna e del sapone. Unico svantaggio è la poca resistenza ai forti venti che li portano a ribaltarsi con molta facilità.

Il polyrattan

Il polyrattan o rattan sintetico è una lega artificiale di ultima generazione, riciclabile ed ecosostenibile, adattabile ad ogni budget. Questo materiale imita nell’aspetto il rattan naturale intrecciato, offrendo tutti i vantaggi di un materiale sintetico. È una fibra molto resistente, in grado di sopportare le intemperie, i raggi UV, il cloro e la salsedine, ideale per essere impiegato nell’arredamento esterno, in particolare per località marittime. Oltre alle scelte più classiche, si può optare per un salottino con tavolo basso e poltrone per donare all’ambiente un aspetto ordinato ed elegante e godere al meglio un pomeriggio all’aria aperta.

Tavoli da esterno in rattan sintetico

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Paola Marella apre le porte di casa sua

Natura e design: oggetti belli e funzionali per la tua casa

Leggi anche
Contents.media