Come ottenere una cucina in stile georgiano

Eleganza, simmetria e grandi proporzioni per un ambiente lussuoso.

Una tipica cucina in stile georgiano sarebbe stata una semplice stanza seminterrata, utilizzata un tempo dalla servitù. Le cucine di oggi, invece, possono includere un’influenza georgiana prendendo spunto dalle caratteristiche classiche di altre stanze. Eleganza, simmetria, grandi proporzioni e un senso di luce e spazio, per una cucina senza tempo e un piacere per gli occhi.

Per un vero tuffo nel passato, puoi anche optare per una casa in stile anni venti.

Finiture e colori

Una cucina in stile georgiano per antonomasia ha una lavorazione del legno dipinta con armadi e pareti decorate in un unico colore con una finitura opaca. Mentre i primi schemi georgiani usano colori forti e scuri, quelli successivi favoriscono colori più chiari, tra cui l‘azzurro, il beige e la pietra.

“In questo caso, gli armadi dovrebbero essere dipinti con colori neutri complementari”, dice Richard Moore, direttore del design alla Martin Moore.

Mensole

Le mensole influenzate dall’architettura classica sono un modo eccellente per dare a una cucina la sensazione di formalità, il che è una firma del design georgiano. Se la tua casa ha dei soffitti molto alti, puoi optare per una grande cappa che sfrutta le generose proporzioni della stanza.

Piani di lavoro

Il marmo era un materiale preferito dai georgiani, quindi è una scelta naturale per i piani di lavoro di una cucina di ispirazione georgiana. Come dice Tamsin Collier, direttore del design di Armorel Kitchens: “Non c’è niente come la bellezza e l’eleganza che il marmo porta in una cucina. I colori sottili e sobri di una cucina georgiana sono il partner perfetto del marmo, e il suo aspetto pulito e delicato si adatta al semplice e classico stile georgiano”.

Proporzione e simmetria

“Il primo design georgiano fu ispirato dagli ordini classici dell’architettura e dalle proporzioni perfette del rettangolo d’oro. I georgiani portarono grazia, eleganza e finezza dall’arena pubblica dell’architettura europea agli spazi domestici della Gran Bretagna del XVIII secolo. Sia nelle grandi case di campagna che negli armadietti della cucina, la simmetria e le proporzioni dei principi classici del design danno un senso di equilibrio e armonia profondamente soddisfacente“, spiega Katie Fontana di Plain English Design.

Questo senso di equilibrio e armonia, che Fontana ammira così tanto, è senza dubbio la caratteristica più importante da replicare in qualsiasi cucina di ispirazione georgiana.

cucina in stile georgiano idee

Abbellimenti

Una cucina ispirata al design georgiano richiede abbellimenti che diano un senso di ricchezza e di lusso, senza essere in alcun modo esagerati. Un mobile freestanding colpisce la nota giusta con le sue modanature graziose ma eleganti, che possono essere copiate da profili originali del XIX secolo.

Come spiega il designer Charlie Kingham, “Il segreto di una bella cucina in stile georgiano è nel dettaglio, e questo include quei dettagli che sono meno visibili, come le cerniere giuste e i perfetti incastri a coda di rondine”.

Lavelli e rubinetti

Un lavandino da maggiordomo era una caratteristica importante della cucina georgiana, e la sua forma solida e senza fronzoli piace ancora. Puoi anche optare per il rame, che non solo è di moda in questo momento, ma è anche il materiale scelto per le pentole nella cucina georgiana.

Maniglie e pomelli

“Il design georgiano è stato un’influenza fondamentale per le maniglie della cucina, che sono fuse a mano con una finitura molto lucida“, spiega Peter Humphrey, direttore del design di Humphrey Munson Kitchens. Le maniglie a tappo hanno un tocco autentico e d’epoca, che è giusto per una cucina in stile georgiano.

Tuttavia, anche le piccole maniglie ovali e rotonde dipinte di nero, o in ottone antico o brunito sono molto efficaci.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Idee di cucina country per la casa: un tocco di stile

Una guida essenziale per la cucina a vista

Leggi anche
Contents.media