I miti sulla vernice: equivoci deleteri per la casa

Questi miti comuni possono essere facilmente ignorati. Ecco tutto ciò che dovresti sapere...

Quando si tratta di dipingere la casa, ci sono un sacco di idee sbagliate su quale vernice faccia sembrare una stanza più grande o più luminosa. Tuttavia, non si dovrebbe aver paura di commettere un passo falso nella pittura. Gli architetti d’interni hanno sfatato i seguenti miti comuni, in modo da poter scegliere i colori senza ripensamenti.

Mito 1: Le pareti scure fanno sembrare una stanza più piccola

Dipingere le pareti e le finiture dello stesso colore profondo può far sembrare uno spazio più grande perché il colore stesso fa arretrare gli angoli. Tuttavia, bisogna dipingere i telai delle porte e delle finestre, e scegliere i trattamenti delle finestre che si fondono. Le pareti scure creano atmosfera ma non sono opprimenti; sono ricche e fanno venire voglia di passare più tempo nella stanza.

Mito 2: Le finiture dovrebbero essere lasciate di bianco

Le finiture colorate spesso aiutano uno spazio a sentirsi più pensato e coinvolgente. Per esempio, puoi dipingere tutte le finiture per lavorare con un colore d’accento della carta da parati piuttosto che con il bianco. È anche un ottimo modo per mescolare i colori che si amano e aggiungere identità a uno spazio. Le tendenze del 2022 sono decisamente interessanti e hai l’imbarazzo della scelta.

vernice miti casa

Mito 3: La vernice vibrante è un buon modo per illuminare una stanza scura

Con poca o nessuna luce naturale per ammorbidirla, un colore luminoso delle pareti può sembrare stridente in una stanza. Piuttosto, scegli colori chiari tinti di bianco (rispetto a quelli tonificati con il grigio, che possono sembrare ombrosi in una stanza scura). Aggiungi più fonti di luce per creare vivacità; ricorda che l’illuminazione gioca un ruolo essenziale anche sull’umore.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Suggerimenti per l’illuminazione del bagno: effetto Spa

Sviluppo della proprietà: le indagini da fare sul sito

Leggi anche
Contents.media