La casa di Massimo Ranieri: semplicità e gusto personale

Massimo Ranieri ha saputo rendere la sua casa semplice ma elegante, con gusto e personalità.

Massimo Ranieri é uno dei cantanti più noti e amati d’Italia, sia per la sua voce che per la sua personalità. Attivo ed energetico non si é mai limitato al solo cantare, ma si é anche prodigato nella recitazione e come conduttore di programmi televisivi.

Di origine napoletano, Massimo Ranieri ha pero la sua casa a Roma, vicino al Tevere.

Riservato circa la sua vita privata, ama comunque condividere piccoli momenti di quotidianità sui social, soprattutto su Instagram. Appare spesso circondato da amici, o alle prese con nuovi copioni, testi musicali ed eventi di ogni genere. La fama di cui gode lo rende uno dei cantanti più seguiti ed amati da sempre.

La casa in cui vive, sebbene se ne sappia poco, sempre data la sua riservatezza, si mostra comunque semplice e fine, con elementi sia vintage che moderni. Lo stile di vita del cantante si riflette quindi perfettamente anche nell’apparenza della sua casa: semplicità ed eleganza in un unico luogo.

La sala della casa di Massimo Ranieri

La sala di Massimo Ranieri, da quello che si può scorgere dalle foto postate sui suoi profili social, é molto semplice e finemente arredata. Le pareti bianche presentano quadri e specchi dalle cornici dorate, in numero pero’ non eccessivo. In questo modo, senza avere pareti troppo spoglie, il cantante ha evitato di cadere nell’esagerazione che crea solo confusione stilistica.

Le pareti infatti sono decorate con quadri e cornici, con opere artistiche dall’aspetto e stile moderno contemporaneo. Appare anche lateralmente un tavolo in legno lucido, dal design moderno, con qualche richiamo industriale. Il pavimento invece é in un elegante parquet, che riprende i toni del legno del tavolo prima citato.

Il salotto appare ampio, con una vetrata che da sull’esterno della casa, ottima per illuminare ulteriormente lo spazio interno. casa di massimo ranieri

La sala ha come elemento centrale sicuramente il divano, dove il cantante ama sedersi per ripassare copioni o testi musicali in vista di eventi o casting. Dalla seduta quindi confortevole, il divano appare su tonalità chiare, sui colori del beige e del panna.

casa di massimo ranieri Affiancata al divano, su un comodo comodino, vi é una particolare lampada da tavolo. Essa, come una lampada da lettura, ha una copertura in vetro trasparente, con elementi azzurri e oro. La peculiarità sta appunto in essa: una volta accesa, le decorazioni vengono esaltate ulteriormente, donando un aspetto quasi orientaleggiante alla stanza.

divano

Da come si evince sempre dai social, nella casa di Massimo Ranieri vi é anche presente un altro divano. Esso appare più particolare ed unico del precedente, avendo una copertura a strisce colorate, sui toni del rosso, dell’arancio e del verde. Perfettamente abbinata ai quadri e cornici sovrastanti.

divano

Su una parete sempre presumibilmente del salotto, il cantante ha poi deciso di porre una fantastica televisione a schermo piatto, grande e moderna. In questo modo egli può godersi i suoi programmi televisivi preferiti, assaporandosi le comodità di casa.

La “zona lavoro” della casa di Massimo Ranieri

Uomo di mondo ed attivo, massimo Ranieri ha sempre del lavoro da fare, a che quando é tranquillo a casa. Per questuo ha deciso di inserire in un angolo o in una stanza apposita, una zona lavoro ad hoc. La scrivania in legno, si allinea allo stile del tavolo in salotto, unendo design a funzionalità.

La scelta del cantante ha voluto giustamente porre questa zona, in una parte della casa, dove gli fosse comunque possibile respirare aria fresca, e dare uno sguardo all’esterno. Difatti la scrivania é posta accanto ad una porta finestra che da sull’esterno. Da essa si scorge una terrazza piastrellata, con numerose piante a decorazione.

Scritto da Redazione Casa
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biancheria per la casa, crescono gli acquisti online

La villa di campagna di Ornella Muti: design e minimalismo

Leggi anche
Contents.media