Terrazza del giardino: come scegliere il materiale giusto

La scelta del materiale più adatto dipende da gusti personali e pratici: ecco le opzioni più gettonate.

La scelta del materiale giusto per la terrazza del giardino è probabilmente la decisione più importante da prendere. Le diverse circostanze richiedono diversi tipi di pavimentazione e ogni opzione ha il suo fascino estetico, i suoi requisiti di manutenzione e altre importanti considerazioni da tenere in mente quando si effettua la scelta.

La scelta del materiale più adatto dipende da gusti personali e pratici.

Come scegliere il materiale giusto per la terrazza del giardino

Cedro

Il cedro è comunemente considerato un materiale di qualità superiore rispetto al legno trattato a pressione. Questo legno naturale invecchia fino a raggiungere una tonalità grigia e morbida nel corso degli anni. È leggero e facile da lavorare, il che lo rende un materiale ideale per i progetti di bricolage. Il cedro contiene inoltre tannini naturali che lo rendono resistente alla putrefazione, alle infestazioni e al decadimento.

Una differenza importante nella scelta del cedro per le decorazioni è che bisogna assicurarsi che il cedro utilizzato sia il durame e non l’alburno.

PVC

Le plastiche in cloruro di polivinile (PVC) sono disponibili in diversi gradi di qualità, ma quasi tutte sono abbastanza resistenti. I pannelli per decking in PVC di alta qualità non presentano quasi nessuno dei punti deboli del legno.

Ciò significa che non ci si deve preoccupare di carteggiare o colorare la plastica, il che rende la pavimentazione in vinile praticamente priva di manutenzione. Dal punto di vista estetico, il vinile offre una gamma di opzioni più ampia rispetto al legno comune. Si può scegliere tra il marrone, il grigio, il bianco e persino i motivi che imitano le venature del legno.

materiale Terrazza del giardino casa

Legno trattato a pressione

Tra i diversi tipi di decking in legno, il legno trattato a pressione è il più comune. Sebbene non tutto il legno sia trattato con le stesse sostanze chimiche, il legno trattato a pressione è infuso con sostanze chimiche che contengono insetticidi e proprietà antiroditore, aumentando la sua naturale durata.

È anche facile da trovare, da tagliare e in generale da lavorare. Se la tonalità naturale del legno trattato a pressione non vi piace, una tinta può rimediare alla situazione e renderlo esteticamente più gradevole. Di solito si consiglia di lasciare che la coperta sia esposta alle intemperie per alcuni mesi prima di colorarla, e ci sono alcuni vantaggi nel carteggiare la coperta prima di colorarla.

È inoltre importante sapere che esistono diversi tipi di legno trattato e che il fornitore locale può aiutarvi a scegliere quello più adatto al vostro budget.

Scritto da redazione online
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I vantaggi della carta da parati in casa: stile e convenienza

Casa fresca in estate: come affrontare l’ondata di caldo

Leggi anche
Contents.media